ACCADDE L'11 DICEMBRE



Il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, in sigla UNICEF  già United Nations International Children's Emergency Fund, e dal 1953 United Nations Children's Fund), è un fondo delle Nazioni Unite, organo sussidiario fondato l'11 dicembre 1946 per aiutare i bambini vittime della seconda guerra mondiale.


L'UNICEF, con sede centrale a New York, è presente in 190 paesi e si occupa di assistenza umanitaria per i bambini e le loro madri in tutto il mondo, principalmente nei paesi in via di sviluppo. I bambini e i ragazzi sotto i 15 anni sono più di 2 miliardi nel mondo. L'UNICEF è finanziato con contributi volontari di paesi, governi e privati e ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1965. Tra gli obiettivi programmatici dell’UNICEF rientrano la promozione di aborti sicuri e l’educazione alla pianificazione familiare e all’utilizzo della contraccezione. In una dichiarazione congiunta del 2011, l’UNICEF sosteneva la necessità di contrastare la diffusione dell’aborto selettivo, attraverso piani che favorissero tra l'altro l’utilizzo di servizi di aborto sicuro e programmi di pianificazione familiare per diminuire così il ricorso all'aborto. Nel 2013, assieme all’OMS, ha pubblicato un piano integrato di linee guida per la prevenzione della mortalità infantile causata da polmonite e diarrea, inserendo, tra le strategie consigliate per la promozione della salute di donne e bambini, l’accesso a servizi di aborto sicuro. L’UNICEF fa sua la strategia ABC ("abstitence, be faithful and consistent condom use” – "astinenza, fedeltà e uso consistente dei condom") adottata in diversi interventi internazionali a prevenzione dell’AIDS.

Nel 1996 il Vaticano ha ritirato il suo contributo simbolico all’UNICEF in occasione della pubblicazione da parte di quest’ultimo di un manuale sulle operazioni di emergenza per le popolazioni rifugiate che sosteneva la diffusione di pratiche contraccettive di emergenza. Nonostante ciò, in diverse occasioni alti funzionari dell’UNICEF hanno negato che l’organizzazione promuovesse l’aborto o metodi di pianificazione familiare. L’UNICEF sostiene inoltre l’adozione da parte degli Stati di leggi che garantiscano alle coppie LGBT e ai loro figli il riconoscimento legale del loro status, in quanto tali norme contribuirebbero a garantire il superiore interesse dei bambini.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni