IL FUTURO DEL CICLO INTEGRATO DELL’ACQUA

Il tema scelto per il Social Innovation Campus

Gli esperti di Gruppo CAP e MM, in collaborazione con ATO e Città metropolitana di Milano hanno coinvolto gli studenti in una sfida di 32 ore non stop sui progetti idrici più innovativi e sostenibili

Il lavoro si è sviluppato intorno alle seguenti domande: quale apporto possono fornire gli strumenti digitali e le app per rendere le aree metropolitane veri e propri laboratori di sostenibilità? Cosa significa parlare di economia circolare in riferimento al servizio idrico integrato? Quali strategie attuare a difesa del territorio e delle aree urbane di fronte ai fenomeni del cambiamento climatico?


I temi legati ai nuovi scenari e alle infinite opportunità che l’utilizzo di una risorsa come l’acqua offriranno nel prossimo futuro sono diventati oggetto di sperimentazione e ricerca all’interno del Social Innovation Campus, l’evento internazionale che per due giorni è stato arena di sfida per centinaia di studenti, il 5 e il 6 febbraio scorso al MIND Milano Innovation District.
L’evento, intitolato “Shared City dal gioco alla realtà”, ha coinvolto le scuole secondarie di secondo grado e di formazione professionale in momenti di confronto, di sperimentazione e di gioco sui temi dell’Innovazione e della sostenibilità per il futuro delle nostre città.
Si sono sfidati 10 team formati ognuno da 20 studenti delle scuole superiori.
Gruppo CAP e MM hanno messo a disposizione dei partecipanti due dei loro migliori professionisti che hanno avuto il compito di affiancarli e supportarli nello sviluppo e nella realizzazione dei progetti.

Un’apposita giuria ha decretato i vincitori dell’hackathon: primo classificato l’istituto Comprensivo Breda di Sesto San Giovanni con il team “Elettroshock”, al secondo posto l’Istituto E. Tosi di Busto Arsizio con il team “Greentosi”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni