L'INGIUSTIZIA DI UN ESODO FORZATO

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei Diritti umani riceve la testimonianza seguente a opera di due colleghe, le professoresse Maria Grazia Delle Cave e Mariella Ricciardiello in merito ai gravi disagi provocati della legge 107/2015, della quale quasi tutte le forze politiche in campo lamentano l’iniquità e per la quale non è stato prodotto nulla di concreto in funzione di reali migliorie. È vergognoso constatare come venga sistematicamente, durante le campagne elettorali, “cavalcata la tigre” dell’esodo forzato imposto ai docenti meridionali, per poi disattendere puntualmente le speranze e i sogni di chi ha abbandonato la propria famiglia alla frustrazione e alle difficoltà economiche allo scopo di servire lo Stato e onorare la propria professione. Il docente “immigrato” che vive al Nord alimenta consumi e spende quasi tutto in affitto e viaggi. Nessuno si chiede come mai in occasione dell’inizio di vacanze o ponti i costi dei trasporti diventino insostenibili, in quanto non disponiamo di nessuna agevolazione, privilegio, “copertura”, neanche fosse un desiderio personale dei lavoratori, da fare espiare, quello di vedersi catapultati a chilometri di distanza da casa, soprattutto per chi ha fatto molti anni di pre-ruolo alle spalle; per non parlare del fatto che per alcune aree del paese, pur spendendo, risulta difficoltoso muoversi. È davvero impraticabile o improponibile, in considerazione degli ingenti finanziamenti messi a disposizione a svariato titolo, rettificare un errore madornale, una vera e propria ingiustizia sociale, perpetrata ai danni degli insegnanti deportati mediante un decreto legge? Chiediamo inoltre l’inserimento immediato dei moduli di “Cittadinanza e Costituzione” in ogni scuola di ordine e grado, attribuendoli a figure qualificate, vale a dire i professori di discipline giuridiche ed economiche, come già avvenuto in fase di assunzione nel 2015 per l’organico di potenziamento dell’area socio-economica e della legalità.

“Quattro anni or sono, migliaia di docenti del sud sono stati strappati dai loro territori per coprire le cattedre del nord. Docenti pluriabilitati che con tanti sacrifici hanno cumulato punteggio, com’è la prassi per arrivare al tanto ambito ruolo. Ed ecco... Arriva, nel 2015. Ma quello che  sembrava finalmente il traguardo, era solo l' inizio di un'altra vita di precariato. La nostra partenza non è stata volontaria, come si vuol far credere, ma siamo stati messi difronte a un "aut aut" (o accettare il ruolo al nord o decidere di restare in graduatoria con la postilla che non avremmo più lavorato). Tutti hanno ammesso i danni irreparabili di una sì fatta legge. Lo stesso ministro Marco Bussetti ha affermato che tale legge ha provocato l'allontanamento forzato di molti docenti a centinaia e migliaia di chilometri da casa; sulla stessa linea anche il ministro Luigi Di Maio ne ha sottolineato i danni. Alla luce dei fatti però, nulla è cambiato. Anzi abbiamo visto bandire concorsi, che spuntano fuori come funghi (peccato che in precedenza ci veniva detto che al sud i posti non ci fossero). Concorsi che immettono in ruolo docenti, senza esperienza o punteggio, che occupano posti che spetterebbero alla mobilità prima di loro (come da D.lgs. 165/2001). Anche noi abbiamo superato non un concorso, ma due o tre. Il ruolo non ci è stato regalato. Il ruolo ci spettava di diritto essendo state parcheggiate per decenni nelle graduatorie.
Ma ci toccava un ruolo accanto casa. Sia chiaro... Non vogliamo danneggiare nessuno. Vogliamo solo che chi ha il diritto/dovere di porre fine a questa colossale ingiustizia lo faccia, se ne assuma la responsabilità. La Costituzione va rispettata non solo a chiacchiere. Il diritto della famiglia e dei bambini viene prima di ogni altra cosa. I docenti in questione, infatti, non possono esercitare il loro diritto/dovere di mantenere, educare e istruire i figli (art.30 della Costituzione), se assolvono i loro doveri di insegnanti a centinaia e migliaia di km di distanza dalla prole. Madri e padri di famiglia si sono visti costretti a lasciare i propri figli minorenni e partire. Ogni anno la storia si ripete, la nostra prole non vuol sentir ragione. I docenti ormai quarantenni/cinquantenni con figli minorenni e genitori anziani non possono più sopportare questo fardello, magari venti anni fa avrebbero potuto accettare la cosa senza nessuna remora, non ora. Ora i docenti meridionali sono stanchi di assistere a questo continuo scaricabarile e chiedono a gran voce a chi di dovere di intervenire immediatamente attraverso un decreto d'urgenza che conduca al rientro di tutti nei rispettivi territori. I docenti pretendono che venga fatta giustizia per una terra che già è martorizzata abbastanza e che si è vista spopolata di tutti quegli uomini e donne che potrebbero dare tanto. I docenti campani, siciliani, pugliesi, calabresi... pretendono crescere i loro figli come è giusto che sia, pretendono di riunire le famiglie ormai allo sfascio, pretendono di poter svolgere il proprio lavoro con amore impegno passione e non dover scegliere tra lavoro e famiglia.”

 Romano Pesavento

Presidente Coordinamento docenti della disciplina dei Diritti umani


 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni