LA COSCIENZA DI ZENO - Italo Svevo (Ettore Schmitz)

La letteratura universale
a cura di Antonella Di Vincenzo

INCIPIT
Io sono il dottore di cui in questa novella si parla tal-volta con parole poco lusinghiere. Chi di psico-analisis’intende, sa dove piazzare l’antipatia che il paziente midedica.Di psico-analisi non parlerò perché qui entro se neparla già a sufficienza. Debbo scusarmi di aver indotto ilmio paziente a scrivere la sua autobiografia; gli studiosidi psico-analisi arricceranno il naso a tanta novità. Maegli era vecchio ed io sperai che in tale rievocazione ilsuo passato si rinverdisse, che l’autobiografia fosse unbuon preludio alla psico-analisi. Oggi ancora la mia ideami pare buona perché mi ha dato dei risultati insperati,che sarebbero stati maggiori se il malato sul più bellonon si fosse sottratto alla cura truffandomi del frutto del-la mia lunga paziente analisi di queste memorie


FINIS
Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagliordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosinon basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri,nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà unesplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplo-sivi attualmente esistenti saranno considerati quali inno-cui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui cometutti gli altri, ma degli altri un po’ più ammalato, ruberàtale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra perporlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massi-mo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e laterra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli pri-va di parassiti e di malattie.



Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni