La letteratura universale

a cura di Uccio Greco

L'autunno del patriarca' - (El oto?o del patriarca - 1975) di Gabriel Garcia Marquez


Il dramma del potere raccontato senza pause in un labirinto di immagini, di allucinazioni e di frenesie verbali. Privo di punteggiatura o quasi, in piena libertà di stile, di storia e di geografia rimane un esempio di sperimentazione stilistica.


INCIPIT: Durante il fine settimana gli avvoltoi s'introdussero attraverso i balconi della casa presidenziale, fiaccarono a beccate le maglie di filo di ferro delle finestre e smossero con le ali il tempo stagnato dell'interno, e all'alba del lunedì la città si svegliò dal suo letargo di secoli con una tenera e tiepida brezza di morto grande e di putrefazza grandezza.


EXPLICIT: …generale, perché noi sapevamo chi eravamo mentre lui restò senza saperlo per sempre col dolce sibilo della sua ernia di morto vecchio, ...aggrappato per la paura agli stracci a brandelli imputriditi della pelandrana della morte ed estraneo ai clamori della folle frenetiche che scendevano nelle strade cantando gli inni di gaudio della notizia gaudiosa della sua morte ed estraneo per sempre alle musiche di liberazione e ai razzi di gioia e alle campane di giubilo cha annunciarono al mondo la buona novella che il tempo incalcolabile dell'eternità era finalmente terminato.