“LA MUSICA STA NEL SILENZIO”

“Si basa su quelle piccolissime pause che creano quella tensione, l’attesa”. Così raccontava Ezio Bosso, morto a 48 anni, ammalato da tempo.

Nato a Torino, “Nessuna famiglia borghese, ma di quegli idealisti, di quella generazione partigiana che cercava di liberarsi attraverso la cultura, la lettura. Persone che si indebitavano per i libri”, aveva spiegato anni fa a Domenico Iannacone in una speciale intervista andata in onda su Rai3. Inizia prestissimo a suonare, a soli cinque anni solfeggia,  poi verso i 10 anni entra in Conservatorio dove più tardi si diploma in pianoforte. Pianista, compositore, direttore d’orchestra, alla ricerca di quiete, del suono perfetto, pulito, profondo.

Abbiamo apprezzato la sua forza, non ha mai smesso di amare con passione la musica. La sua dolorosa umanità esplodeva tra le note sussurrate alle nostre anime.

Ci mancherà.


Ava Tanin


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni