Lolita

.AA306505.cucina.285.435.300.3372.5143.Scala di grigio.

a cura di Uccio Greco

LOLITA (1955) di VLADIMIR NABOKOV a cura di Uccio Greco

Racconto eccezionale di una bambina traviata, di una madre egocentrica, di un ansimante maniaco. Tenerezza e compassione rapiscono leggendo Lolita che dovrebbe indurre noi tutti a dedicarci con vigilanza e preveggenza al compito di educare una generazione migliore in un mondo più sicuro.

INCIPIT: Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un breve viaggio di tre passi sul palato per andare a bussare, tre volte, contro i denti. Lo-li-ta. Era LO, null'altro che LO al mattino, diritta nella sua statura di un metro e cinquantotto, con un calzino soltanto. Era Lolita in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea punteggiata dei documenti. Ma nelle mie braccia fu sempre Lolita.

EXPLICIT: Penso ai bisonti estinti e agli angeli, al segreto dei pigmenti duraturi, ai sonetti profetici, al rifugio dell'arte. E questa è la sola immortalità che tu e io possiamo condividere, Lolita mia.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni