"Mi sono fatto un film"

Di Salvatore Burruano, Pasqualino Conti, Ferdinando Ferdinandi e Moro Mex con Pasqualino Conti consulenza artistica Renato Sarti produzione Teatro della Cooperativa.

A un certo momento della propria vita, quando si è avanti con gli anni, si capisce come la realtà sia infinitamente più fantastica delle opere di immaginazione (Lucio Colletti, filosofo). Come conclusione e come inizio di quanto si vedrà nello spettacolo, Pasqualino Conti pone, un po’ enigmaticamente, questa dotta citazione. Di fatto, l’artista, attore e comico surreale Pasqualino Conti, tra sogno e realtà, proiezione farsesca e affabulazione poetica, ci accompagna in un viaggio che è prologo e viatico a una nuova e diversa riscoperta e immagine del sé. Diviso tra le mille voci e i tanti doppi che vivono in lui, tra interrogativi aperti, entusiasmi del momento e reticenze di comodo, Pasqualino è prigioniero e artefice di una fantasia di vita da mettere finalmente in scena. Potrà tirarsi fuori dal tormentoso e inutile frastuono della vita moderna, da quel rumore assordante che intesse la frenetica esistenza di tutti? Le scuse e gli ostacoli non sono pochi: l’insistenza e la manipolazione edonistica della pubblicità, dei media e, talvolta, di un malinteso concetto di tradizione culturale; la solitudine mista a civile indifferenza propria delle nostre città, del nostro tempo, dei social network, luogo di una socialità illusoria, fittizia, a tratti parossistica; la paura di compromettersi, confrontarsi e fare i conti con una realtà sempre deprecabile, talvolta emendabile, ma mai eludibile.
Pasqualino Conti, in bilico tra clownerie e concreta consapevolezza, immaginazione e biografia reale, lucida riflessione ed estro giocoso, si fa interprete delle nostre fragilità e potenzialità di riscatto in una narrazione ai limiti del documentario, ma anche del racconto fantastico, dove i registri dialettali, la sensibilità e i linguaggi del comico si inoltrano anche in territori amaramente tragici eppure reali nella loro aspra e conflittuale evidenza: dalla follia all’incomprensione, dall’egotismo alla malattia, dalla diffidenza al solipsismo, fino alle derive critiche ed esistenziali proprie dei nostri giorni. Che sia ora di mettere mani e piedi nella realtà? Proviamo a chiederlo a Pasqualino, tra sogno e concretezza, eroe dei due mondi. 
Pasqualino Conti. Comico, pittore, intrattenitore, agricoltore. Membro storico del gruppo di comici “Scaldasole”, con loro ha girato moltissimi teatri italiani. Scrive e interpreta i suoi testi dei quali però nessuno capisce il significato. Nonostante questo il pubblico ride, ma il motivo resta un mistero.
Da lunedì 10 a sabato 15 luglio 2017. Orari spettacoli: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato 20.30; giovedì 19.30; domenica riposo. Biglietti: euro 18,00; 15,00; 10,00; 9,00; giovedì biglietto unico euro 10,00. Per prenotare: 02 6420761, info@teatrodellacooperativa.it www.teatrodellacooperativa.it. Biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19, sabato dalle 18 alle 20 (solo nei giorni di replica) domenica chiuso. Teatro della Cooperativa (via Privata Hermada, 8).

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni