NATUROPATIA IN BREVE 17

Diverticolite cos'è, rimedi naturopatici

I diverticoli sono, in gergo tecnico, delle estroflessioni sacciformi, in altre parole, delle erniazioni degli strati che compongono la parete intestinale a qualsiasi livello (esofago, duodeno, digiuno, ileo e vescica), con localizzazione elettiva a carico del colon e soprattutto del sigma. I diverticoli possono essere isolati o, più comunemente, numerosi e di diametro variabile. Con il termine diverticolosi ci si riferisce agli aspetti anatomici, oppure alla presenza di diverticoli del colon. La diverticolite è una complicanza flogistica della diverticolosi. Circa il 75-80% dei soggetti con diverticolosi rimangono asintomatici tutta la vita e spesso la diagnosi avviene casualmente. In tutti gli altri casi, il soggetto presenta disordini della motilità intestinale. Quando i diverticoli s’infiammano, determinano i disturbi tipici del colon irritato con i seguenti sintomi: dolore, gonfiore, nausea, costipazione, diarrea, sangue occulto.

Rimedi naturopatici.

Alcune piante aiutano il processo antinfiammatorio a carico della parete intestinale, tenendo sotto controllo i diverticoli e impedendo che si trasformino in diverticolite: estratto di calendula, estratto di acqua di melissa, decotto di semi di orzo mondo.

Quale alimentazione scegliere per i diverticoli?

Alla presenza di un’infiammazione dei diverticoli è bene seguire un'alimentazione specifica e scegliere: verdura fresca a volontà e frutta consumata regolarmente ma con moderazione (eccessivi zuccheri, anche se naturali, contribuiscono a infiammare la mucosa). Tra la frutta preferire mirtilli, more, mele, pere. Cereali integrali prediligendo l'utilizzo di orzo selvatico e riso basmati integrale (si possono cucinare anche insieme e consumare insieme). Pesce azzurro consumato con moderazione. Uova, meglio se di quaglia (non più di una volta a settimana). Bere molta acqua per tenere idratata la mucosa intestinale.

Evitare invece: latte e latticini, carne in generale, anche bianca, caffè, alcolici, bevande gassate, cibi da forno con farine raffinate e lievito, legumi (da consumare solo occasionalmente e sempre decorticati).

Secondo la medicina tradizionale cinese all'origine della formazione dei diverticoli c’è una condizione molto yin, in altre parole di eccessivo muco o ristagno di sostanze putrefattive che rendono la parete del colon più debole e meno elastica del dovuto. A questa condizione si associa spesso la stipsi che determina un arresto della massa fecale contenuta nell’intestino e aumenta la pressione sulle pareti, sfiancando le zone più deboli.

Claudio Dianese Naturopata

claudio.dianese@gmail.com

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni