OLTRE LO SPECCHIO DI ENZO SERMASI

L'enorme richiesta del mercato gli ha limitato la sua dote creativa di scrittore

Il romanzo uscito nel 1989 "Oltre lo specchio" di Enzo Sermasi, narra una storia poliziesca capace di riaccendere il ricordo di quel tempo che ci appariva tanto felice.
Felice -in quanto a ideazione e a felicità di scrittura- è anche il romanzo, ambientato a Roma e con protagonista Leo Malerba, un giovane critico cinematografico aspirante regista, amante dei film americani degli anni '30 e '40. Il giovane si trova coinvolto, insieme ad altre persone, nell'omicidio di un uomo freddato a colpi di pistola in una piazza, primo di una lista che comprenderà altri individui fra i quali Attilio Sperelli, fotografo che senza volerlo ha puntato l'obiettivo della sua macchina fotografica su un particolare importante per portare all'identificazione dell'assassino. A indagare sulla vicenda è il commissario Giulio Magrì, che da anni ha smesso di fumare la pipa per non essere accomunato al famoso commissario Maigret, dato che già il cognome, dal suono simile gli somiglia. A differenza di Maigret che è monogamo e vive sempre con la propria amata moglie, Magrì è separato dalla propria: Viviana, anche se nel finale i due finiranno per rimettersi insieme smettendo di vomitarsi reciprocamente i propri odi velenosi.
Enzo Sermasi ha scritto un bel romanzo, breve come purtroppo è stata anche la sua vita, coautore con l'amico e collega Luca Goldoni di vari libri tra i quali: "Benito contro Mussolini"; "Fiero l'occhio svelto il passo" e dei testi della trasmissione televisiva del 1979 "Luna Park", che segnò il lancio della giovanissima Heather Parisi e dell'affermazione del trio de "La smorfia" Troisi, Arena, De Caro, nonché di Tullio Solenghi, Enrico Beruschi, Beppe Grillo, che era stato assoldato da Pippo Baudo.
Sermasi, nato a Castel San Pietro Terme in provincia di Bologna, fu il creativo di un'agenzia pubblicitaria e tenne sull'ultima pagina del settimanale "Il Mondo" una rubrica di satira politica molto divertente che mantenne l'attenzione dei lettori a lungo. La pagina che lui occupata fu l'ultima, ma per molti la prima che si andava a leggere. Fu inoltre per due anni coautore dei testi di "Domenica In" e autore in proprio dei libri "Come si guarda il film", "350 milioni di italiani", "Il giallo biancorossoverde".
Enzo possedeva una stoffa tale da poter confezionare libri godibili nella lettura e nell'apprendimento. Nel romanzo "Oltre lo specchio" vi sono descrizioni :
"In certe mattine d'autunno, Roma assomiglia a Milano. È quando una lieve caligine bianca, che non è una nebbia ma una luce diffidente che appanna senza velare, cancella le due peculiarità architettoniche della Città eterna: il barocco e il sudiciume".
"Probabilmente Marinis i settanta li aveva già passati ma si avvantaggiava di quella bruttezza congenita che con l'età diventa stile al di sopra di ogni estetica".
È un peccato che uno scrittore bravo e di ottimo stile come Enzo Sermasi è stato non abbia poi proseguito nella carriera di narratore, così come è anche un peccato che sia stato accantonato e dimenticato perché a occupare il proscenio sono stati altri, magari di valore minore. Di lui non vengono riportate neppure le date di nascita e di morte. Ricordo che Luca Goldoni nel rievocare l'amico in un suo articolo riportava quando gli aveva chiesto se pensava mai alla morte, e che lui gli aveva risposto che non gli importava. Forse l'andarsene quando ancora non si è vecchi rappresenta un privilegio: quello di non assistere al proprio quotidiano sfacelo fisico anno dopo anno che a una certa età non può non far soffrire. Ma di certo il rimpianto di lasciare disperatamente vuote le pagine del libro della vita che a chiunque di noi è stato consegnato al momento della nascita non può anch'esso, non provocare dispiacere. Rimangono però i libri: nel leggerli o rileggerli la parola di chi li ha scritti fa risuonare la voce del suo autore, una voce che come scriveva il grande Ed McBain è spesso riconoscibile dal lettore e riconducibile al narratore.  

Antonio Mecca


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni