QUALE VACCINO CI PROTEGGERÀ?

In queste settimane la forza del virus sta scemando e i pazienti in ospedale sono meno gravi. È  probabile che la pandemia sarà debellata, ma non la mutuazione della Covid-19, con cui dovremo convivere, purtroppo, per almeno altri 2 anni.

Viene di conseguenza che noi dovremmo proteggerci  con un vaccino specifico, che però  per il momento non abbiamo e dobbiamo  aspettare almeno un anno. E nel frattempo cosa fare per la nostra sicurezza sanitaria? Dobbiamo ricorrere ad altri vaccini, primo fra tutti quello antinfluenzale.

"È  fondamentale - ha affermato Giuseppe Remuzzi, direttore scientifico dell'istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - che si vaccini contro l'influenza il maggior numero di persone possibile in modo che, il prossimo inverno, sia più  facile distinguere i sintomi dell'influenza da quelli della Covid: all'inizio le manifestazioni sono molto simili ma, visto che è improbabile che una persona vaccinata sviluppi l'influenza, davanti a un paziente immunizzato il medico potrà valutare con più attenzione l'ipotesi che si tratti di infezione da nuovo coronavirus".

La protezione che ci garantiscono i vaccini già esistenti è quindi indiretta perché, anche se si cade nell'infezione da SARS- Cov 2, la rende più riconoscibile e meno grave. Alcuni esperti consigliano di supporto altri vaccini, che qui non enumero.

Si sa che la vaccinazione antinfluenzale è già raccomandata per gli over 65, i malati cronici, le donne in gravidanza e gli operatori sanitari. Sarebbe consigliabile ampliare il più  possibile  questa protezione. Alcune Regioni l'hanno capito, come il Lazio, che  ha reso obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale per gli over 65 e per il personale sanitario, in modo gratuito raccomandandola fortemente, e per tutti i bambini tra i sei mesi e i sei anni. C'è  da scommettere che il prossimo autunno molti chiederanno la vaccinazione antinfluenzale anche fra i più  giovani. Allora sì che i vaccini non saranno abbastanza, considerando che negli anni  scorsi si è vaccinato solo il 55% degli over 65 e il 25-50% dei pazienti cronici. Se il ministero della Salute indica il 75% l'obiettivo minimo per la vaccinazione antinfluenzale, è chiaro che dobbiamo avere a disposizione più vaccini e più personale medico che possa somministrarli. Bisogna quindi aumentare i quantitativi in tempi rapidi per coprire tutte le richieste globali, come hanno fatto molti Paesi in Europa.

Qual è  il tipo di vaccino antinfluenzale consigliabile? Secondo il ministero della Salute la scelta migliore per gli anziani dopo i 75 anni è quella del vaccino trivalente adiuvato, in grado di stimolare meglio il sistema immunitario. Tale scelta l'hanno fatta solo alcune Regioni: Lazio, Sicilia, Campania, Puglia ed Emilia-Romagna. Per la stagione 2020-2021 si sa da tempo la composizione del vaccino e le aziende che lo producono, spetta ora alle Regioni bandire le gare per comprarlo.

Luciano Marraffa

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni