QUANDO A VINCERE È LO SPORT

Questa volta, è proprio il caso scriverlo, a vincere è lo sport. La notizia potrebbe non sembrare vera, e invece udite: "Il Milan e l'Inter si sono messe d'accordo per ammodernare insieme lo Stadio di San Siro". Finalmente ad avere la meglio è stato lo sport. Non l'ha spuntata la cattiva rivalità manifestata con violenza e aggressività, sopratutto, da parte di quei tifosi esagitati che vanno allo stadio a fare di tutto tranne che a vedere una partita di pallone. Ha vinto lo sport spinto e supportato dal sano antagonismo. Per tifare la squadra del cuore non è necessario essere violenti. I tifosi della pallavolo insegnano: si tifa senza cantare "inni di guerra" e quando lo merita si applaude anche il giocatore della squadra avversaria. Questi tifosi non sono né santi né chirichetti, sono tifosi che amano lo sport.

Il Milan e l'Inter hanno deciso di avere un solo stadio e non due perché lo ritengono economicamente più conveniente. Tutto è partito da Paolo Schiaroni, presidente del Milan. La proposta è piaciuta all'amministrazione Zhang dell'Inter. L'unica cosa che devono ancora decidere è se ristrutturare lo stadio di San Siro o costruirne uno nuovo a Sesto San Giovanni.

Le due squadre, comunque, hanno ben presente che lo stadio di San Siro per la sua storia, per le sue dimensioni e per le emozioni che ha permesso di far vivere a tutti coloro che ci sono stati è un monumento nazionale. Anche il Comune propende per la ristrutturazione di San Siro. Alcune voci lo direbbero pronto a cedere alle due società calcistiche il diritto di superficie. Questo rappresenterebbe per le due squadre un notevole risparmio. Per non dire, poi della possibilità di costruire intorno allo stadio hotel e negozi. Inoltre, se il Comune desse la possibilità di utilizzare l'ex area ex SNAI (Dove si trova il vecchio Ippodromo, per le due Milanesi,  significherebbe un'ulteriore montagna di denaro.

A volere la costruzione dello stadio di San Siro è Piero Pirelli, Presidente del Milan. Lo stadio viene inaugurato il 19 settembre 1926. A riempire i 35mila posti sono i tifosi del Milan e dell'inter che si sfidono in una partita amichevole. Nel 1935 il Comune di Milano acquista lo stadio e porta i posti a 55mila. Nel 1955 vengono costruiti il primo anello, le rampe esterne elicoidali che portono al secondo anello. Nel 1980 lo stadio viene intitolato a Giuseppe Meazza che ha militato, con successo, in entrambe le squadre milanesi. Nel 1990 viene costruito il terzo anello rafforzato da undici torri cilindriche. I posti sono tutti a sedere e gli spalti coperti. Nello stesso anno viene svolta la cerimonia d'inaugurazione dei Mondiali di calcio. Nel 2008 vengono effettuati ulteriori lavori e i posti vengono portati agli attuali 80.018.

La cosa incredibile è che, attualmente, allo stadio ci vogliono andare le famiglie. Sono finiti i tempi in cui si canticchiava: " Mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita di pallone". Adesso le donne vanno allo stadio con i propri fidanzati o mariti e i papà portano i loro bambini.

Flavio Fera



L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni