Vacanza a Tunisi

Sabato 31 dicembre, nel consueto inserto de "La Stampa-Tutto Libri", sono stati pubblicati come regalo di fine anno sette racconti di scrittori di prima classe fra i quali il racconto "Viaggio a Tunisi", di Alessia Gazzola, la scrittrice messinese che ha esordito nel 2011 con il primo dei dieci romanzi de "L'Allieva", riscuotendo un grande successo in Italia e all'estero.

Da allora sono trascorsi dodici anni, che non sono stati se non in parte una sporca dozzina perché a parte il dannato Covid e l'altrettanto dannato conflitto ucraino, a parte i ricorrenti femminicidi e le morti autostradali abbiamo avuto diritto anche ai piaceri della vita, uno dei quali è di certo la buona lettura e -fra questa- quella di una scrittrice come Alessia Gazzola è.
Il racconto in questione pubblicato da Tutto Libri è ambientato nel 2009, nel caldo insopportabile di Tunisi dove una ancor giovane coppia: Georgie e il marito Sebastian condividono la vacanza con un'altra coppia, formata da Lucy e Pierre. Quest'ultimo non è un "pierre" esperto in pubbliche relazioni, ma non intende per questo rinunciare a relazionarsi con Georgie, alla quale fa un filo spietato. Il racconto in questione è forse il primo che la Gazzola scrive in terza persona e con la forma al passato, lei che predilige la prima persona e la forma del presente.
È un lungo racconto ambientato nei pressi di Medina, luogo di vacanza dove la giovane coppia Georgie-Sebastian inizia ad avvertire i primi scricchiolii dell'unione, quasi come i cardini non più perfettamente oliati di una porta che sembra chiudersi piano piano sul matrimonio dei due ma che: appunto perché semichiusa, sembra per questo avvertire la coppia che qualcosa non va e che se si vuole si può ancora porre rimedio, ad esempio oliandone i cardini affinché la ruggine venga rimossa. La scrittrice siciliana sa come si scrive: bene, e procede quindi con mano sicura nel racconto della vicenda, la quale finirà in maniera che qui non è necessario svelare. Quel che attira di più nella scrittura di Alessia Gazzola è non tanto la trama quanto lo stile, leggero ma non al punto tale da essere evanescente, inconsistente, bensì piacevole da gustare e da rileggere. Perché una certa prosa non va soltanto degustata a caldo ma anche a freddo, la quale finisce così per dissetare meglio e assimilata che sarà resterà non solo nel cuore ma anche nella mente di chi ne usufruisce.
Antonio Mecca

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni