I RIFIUTI RAEE

Una tipologia in continua crescita

Forse non tutti sanno che esiste una nuova categoria di rifiuti denominata "rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche" di solito indicati dalla sigla RAEE.
Si tratta di una tipologia in continua crescita che include sempre più prodotti di uso comune.
Ne fanno parte dispositivi come le e-bike, i monopattini elettrici, gli auricolari bluetooth e i seggiolini anti-abbadono, quando questi diventeranno obbligatori per legge.
Giancarlo Dezio, direttore di Ecolight, il consorzio che si occupa dello smaltimento dei RAEE dice in proposito: "Possiamo identificare come RAEE tutti quei rifiuti che hanno al loro interno una componente elettrica o elettronica. È un insieme estremamente variegato per tipologia, dimensioni e funzionalità, ma questo non deve distrarre l’attenzione dalla necessità di conferirlo in modo corretto".
Sono oggetti che possono essere riciclati fino al 90%.
Per questo è necessario diffondere la cultura del corretto smaltimento come alcuni Comuni, tra cui Milano, hanno già iniziato a fare.
Il riciclo è possibile nelle aree dedicate o nei negozi di elettronica con oltre 400 mq di superficie di vendita quando si acquista un prodotto nuovo.

adv