PAROLE, PAROLE, PAROLE

E non è la celebre canzone di Mina

Ci riferiamo a un articolo comparso sul Corriere della Sera a firma Gian Antonio Stella.

L'autore fa un'analisi del "Testo coordinato delle ordinanze di protezione civile" datato 24 marzo 2020. Ne emergono osservazioni, a nostro parere interessanti.

Le condividiamo con i nostri lettori:

- numero di parole usate nel testo: 123.103;

- numero di parole usate nella nostra Costituzione del 1947: circa 9.500;

- le parole visto e vista che precedono una serie di altre osservazioni, compaiono 12 volte;

- le premesse prima di arrivare al contenuto del decreto sono 19;

- la parola deroga  compare 131 volte;

- sono presenti una serie di rimandi ad altri articoli di legge che occupano diverse righe di testo;

- sono presenti termini molto tecnici della giurisprudenza come duodecies;

 

Stella conclude con una riflessione molto semplice in cui cita uno dei massimi esperti della lingua italiana, Tullio de Mauro:

se do un'indicazione al cittadino, affinché si comporti in un certo modo, il messaggio lo devono capire tutti. Non solo gli addetti ai lavori.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni