A bando 4 immobili confiscati alle mafie

Tasca: “Dove c’era illegalità ci sarà rinascita civile”. Si tratta di appartamenti messi a gara per finalità sociali

Altri quattro immobili confiscati alla criminalità organizzata entrano a far parte del patrimonio del Comune di Milano. Palazzo Marino ha disposto che i locali sequestrati siano assegnati a nuovi concessionari mediante procedura a evidenza pubblica per finalità sociali.
"È sempre una soddisfazione poter ascrivere al patrimonio demaniale altri beni confiscati alle mafie e tolti dalle mani del malaffare - ha affermato l'assessore al Demanio, Roberto Tasca. - Una volta disponibili faremo quello che abbiamo sempre fatto nella massima trasparenza, ovvero mettere a bando gli spazi, questa volta con finalità sociali, perché dove c'era illegalità fioriscano esperienze di rinascita civile ed economica”.
Mi auguro - ha aggiunto l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti - che i quattro appartamenti trovino in città progetti capaci di articolare ulteriormente l’offerta di case per le persone più fragili, in linea con quanto da tempo stiamo costruendo”.

I quattro immobili confiscati saranno quindi messi a bando e qualora i bandi andassero deserti i locali saranno messi sul mercato, reimpiegando i relativi proventi esclusivamente a fini sociali.
Gli immobili sono costituiti da quattro appartamenti: in via Giovanni da Verrazzano 26b, in viale Campania 2, in via Val di Bondo 21 e in via Ricciarelli 14.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni