Asta all’incanto per quattro immobili comunali

Tasca: “Passaggio centrale per questa Amministrazione”. La vendita completa il trasferimento degli uffici pubblici alle nuove sedi

    È prevista per il 18 maggio 2021 l’asta pubblica con incanto per la vendita di quattro immobili comunali, sedi di uffici amministrativi dell’Ente. Si tratta degli edifici di largo Treves 1, via Edolo 19, via San Tomaso 3 e dell’unità immobiliare di via Pirelli 30. Il bando completa l’operazione di razionalizzazione degli uffici comunali, dopo l’acquisto da parte dell’Amministrazione degli immobili di via Sile 8, via Principe Eugenio 53 e di via Durando 38/A (quest’ultimo in via di definizione), che saranno le nuove sedi.

È senza dubbio un passaggio centrale di questo mandato amministrativo – afferma l’assessore al Demanio, Roberto Tasca. - La vendita dei quattro immobili chiude il cerchio di quel che abbiamo definito la razionalizzazione degli spazi comunali. Ovvero il trasferimento, dai quattro immobili in vendita con questo bando, dei dipendenti comunali nei nuovi luoghi di lavoro, acquistati di recente e senza dubbio migliori, da molteplici punti di vista, per chi ci lavorerà e per i cittadini che li frequenteranno. Ringrazio prima di tutto gli uffici che hanno lavorato per rendere possibile un cambiamento di tale portata, che fino a qualche anno fa pareva impossibile. E ringrazio i dipendenti comunali, le loro rappresentanze sindacali, per la collaborazione che non è mai mancata affinché questa idea diventasse realtà”.

L’Amministrazione comunale ha infatti inteso avviare un percorso di razionalizzazione e valorizzazione delle sedi per ottenere un maggiore efficienza e un miglioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti. Oltre che una migliore e più efficace erogazione dei servizi e, in generale, una più conveniente gestione finanziaria del patrimonio.

Per il palazzo di largo Treves, di 4.366 m2 di superficie, la base d’asta prevista è di 22,6 milioni di euro; per l’immobile di via Edolo, 2.270 m2, la base d’asta è di 3,8 milioni di euro. È invece di 21,8 milioni di euro la cifra di partenza per l’edificio di via San Tommaso 3 (3.361 m2) mentre si scende a 1,3 milioni di euro per la base d’asta del lotto di via Pirelli 30 (414 m2).

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni