BANDO PER ANIMARE 12 PICCOLI SPAZI AI PIANI TERRA DELLE CASE POPOLARI

Nuove opportunità di animazione e aggregazione nei quartieri delle case popolari. È on line sul sito del Comune (https://www.comune.milano.it/dseserver/webcity/garecontratti.nsf/WEBAll/CA8F0F36CC844565C125836A003DC138?opendocument) il bando “Spazio quartiere”, che rimarrà aperto fino al 14 febbraio 2019: dodici piccoli spazi tra Quarto Oggiaro (via Gazzoletti, via Satta, via Vittani e via Capuana), Chiesa Rossa (vie Boifava e Giovanola) e Barona (via Teramo) in cerca di associazioni, enti, cooperative senza fini di lucro per l’attivazione di progetti sociali, culturali, educativi e formativi. Si potranno realizzare, mostre, laboratori, seminari, attività formative e di sostegno allo studio per i più piccoli e anche interventi per la promozione sportiva.
Si tratta di spazi posti ai piani terra dei complessi di edilizia residenziale pubblica, a uso non abitativo e fino a questo momento mai utilizzati, che grazie al bando potranno essere aperti e diventare utili per gli inquilini e per tutto il quartiere. Le loro dimensioni variano da un minimo di 28 metri quadrati a un massimo di 151, e verranno concessi in affitto per 6 anni con un canone particolarmente ridotto rispetto ai valori di mercato (9 euro al mq annui per i depositi, 13 euro circa al mq annui per i laboratori, tra i 15 e i 18 euro al mq annui per i negozi). I vincitori dovranno sviluppare attività in grado di contribuire alle forme di presidio quotidiano diffuso del territorio.
“Il nostro lavoro - ha detto l’assessore alla Casa e ai Lavori pubblici Gabriele Rabaiotti - vuole riportare vicino alle case popolari spazi che possano venire utilizzati direttamente da chi già lavora e si impegna per migliorare i quartieri di Milano, come i comitati inquilini e i residenti che si riconoscono nelle autogestioni. Il nostro obiettivo di restituire ai milanesi una città più ricca e più sicura si ottiene anche sostenendo piccole iniziative come questa e alimentando la più ampia varietà di attività presenti in uno stesso contesto”.
Solo negli ultimi due anni sono già stati lanciati altri tre bandi simili (“Costellazioni di quartiere”, “Spazio alle periferie” e “Sguardi d’altrove nelle zone periferiche”), attraverso i quali sono tornati a vivere quasi 50 spazi.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni