Dal 26 aprile online il museo del Museo Nazionale della Resistenza di Milano

Un progetto digitale per raccontare il Museo che verrà.

Franceschini e Sala: fondamentale conservare la memoria della Resistenza

Da domani,  25 aprile 2021, Anniversario della Liberazione d’Italia, sarà online il Museo Nazionale della Resistenza di Milano: un progetto digitale che prevede un sito (www.museonazionaleresistenza.it) e l’attivazione dei profili social Instagram @museonazionaleresistenza e Facebook @resistenzamuseo. Questi accompagneranno i visitatori alla scoperta del Museo che verrà con l’intento di avvicinare i cittadini italiani e il pubblico internazionale a fatti e valori della lotta di liberazione, promuovere la conoscenza il progetto e seguire il cantiere di realizzazione, sensibilizzare e coinvolgere i giovani, grazie anche a sezioni specifiche come Il Museo che vorrei e la Timeline, cioè attraverso continui approfondimenti tra memoria, storia e progetto.

Il sito museonazionaleresistenza.it  raccoglierà e racconterà le memorie e la storia della Resistenza italiana in un percorso di parole, foto, video, audio e documenti d’epoca.  

Per il Ministro della Cultura, Dario Franceschini: “Con il nuovo sito si compie un altro passo verso il Museo Nazionale della Resistenza il progetto che porterà alla nascita di un luogo nazionale per conservare la memoria e tramandare alle future generazioni ciò che hanno fatto le nostre madri e i nostri padri per darci quella libertà che oggi riteniamo scontata e ovvia, mentre non lo è per niente. Il nuovo sito permetterà di esplorare e seguire le diverse fasi di realizzazione e sviluppo del progetto e raccontare cos’è stata la Resistenza”.

Per il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala: “Milano ha l’onore di essere stata scelta per ospitare il Museo Nazionale della Resistenza un luogo della memoria, condivisa, conservata e diffusa, dove mantenere vivi i valori fondanti del nostro Paese. In attesa di inaugurare la sede che sarà realizzata ai Bastioni di Porta Nuova e completerà un’area della città già dedicata alla cultura, tramite il sito internet e i profili social potremo iniziare a conoscere che cosa il Museo della Resistenza racconterà a tutti noi. Milano è orgogliosa della sua storia e della sua identità di città della Resistenza e questo Museo e i suoi canali digitali ne daranno ulteriore testimonianza in Italia e nel mondo”. 

Il Museo Nazionale della Resistenza di Milano, la cui apertura è prevista nel 2025/2026, è un progetto del Ministero della Cultura e del Comune di Milano con il supporto scientifico dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri e della rete degli Istituti italiani per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea.

La sede del Museo sarà nell’edificio progettato dallo studio Herzog & de Meuron, a completamento del Piano Integrato di Intervento dei Bastioni di Porta Volta, già in parte realizzato lungo via Pasubio con la sede gemella di Fondazione Feltrinelli: lo spazio, complessivamente di circa 3.800 metri quadrati, sorgerà all’interno dell’area comunale tra via Montello e via Volta. 

Il progetto digitale è stato realizzato grazie al supporto dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri - Rete degli Istituti per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, che si è avvalso della collaborazione e dei materiali resi disponibili dalle associazioni che sostengono il Museo: AICVAS - Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna; ANED - Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti; ANEI - Associazione Nazionale Ex Internati nei Lager Nazionali; ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d’Italia; ANPPIA - Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti; ANRP - Associazione  Nazionale Reduci della Prigionia; FIAP - Federazione Nazionale Associazioni Partigiane  e FIVL - Federazione Italiana Volontari della Libertà.

 

www.museonazionaleresistenza.it

IG @museonazionaleresistenza

Facebook @museonazionaleresistenza

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni