Emergenza Ucraina

Nasce nel Municipio 6 il progetto "V DOMI - Sei a casa". Uno spazio di sollievo per chi fugge dalla guerra e per le famiglie che accolgono

Corsi di italiano, mediazione culturale, orientamento ai servizi e supporto psicologico. Ma anche spazio gioco per bambini ucraini e di aggregazione per le donne, dove chi fugge dalla guerra possa sentirsi ancora a casa, tra famiglie che parlano la propria lingua.
E parte proprio dal concetto di casa "
V DOMI" - in ucraino: "a casa" - il progetto del Municipio 6 in collaborazione con l'Associazione Telefono Donna che punta a realizzare nel Centro Milano Donna di viale Faenza 29 un luogo di accoglienza e di servizi, ma anche d'incontro delle tante energie che cittadini e associazioni stanno dimostrando in riferimento all'emergenza.

"La risposta di cittadini e associazioni di fronte all’emergenza Ucraina è stata fin qui straordinaria: svariate iniziative di solidarietà spontanea e una grande disponibilità delle famiglie del territorio ad accogliere chi fugge dalla guerra. Ma la risposta a questa crisi deve essere di comunità, a supporto sia delle famiglie ucraine arrivate in città, sia di quelle milanesi che le accolgono, spesso senza aiuto o intermediazione di altri enti. Il progetto “V DOMI” nasce da questa volontà: offrire un luogo di sollievo per loro e uno spazio di attivazione del territorio, in cui far convergere le energie e la solidarietà di chi vuole dare una mano." ha dichiarato Santo Minniti, Presidente del Municipio 6.
Accanto ai servizi offerti direttamente all'interno dello spazio, il Municipio 6 ha infatti previsto la pubblicazione di un avviso pubblico per raccogliere le disponibilità di associazioni, commercianti, società sportive e singoli cittadini ad offrire servizi e opportunità (dall' attività sportiva gratuita per bambine e bambini fino ai servizi per la cura della persona), e per coordinate le attività di volontariato per l'emergenza. E c’è già chi si è candidato per offrire voucher per il taglio di capelli, buoni per lavanderia, fino a decine di pasti gratuiti al giorno. Perché l’idea del progetto è anche questa: rispondere a bisogni quotidiani delle tante famiglie ucraine con scarse disponibilità economiche, senza pesare sui bilanci di chi accoglie.

L’Assessora al Welfare, Pari opportunità e Coesione sociale Francesca Gisotti aggiunge che “Il coordinamento delle tante forme di solidarietà che in questo periodo stanno emergendo nella nostra città diventa sempre più importante per evitare il rischio di disperdere le forze. Gli aiuti per essere efficaci devono rispondere a precisi bisogni e necessità ed essere ben coordinati sia nelle fasi di raccolta che in quelle di consegna. La costruzione di una rete di sostegno che parta dal territorio ci pare la modalità più efficace per sperimentare come insieme sia possibile affrontare anche le situazioni più complesse

Il progetto sarà presentato alla cittadinanza MERCOLEDI’ 6 APRILE alle 18,30 presso l’aula consiliare di Municipio 6, Viale Legioni Romane 54, in parallelo al lancio della call pubblica finalizzata ad acquisire dai soggetti territorio la disponibilità di fornire azioni di volontariato o servizi.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni