Food Wave. Al via la collaborazione con Future Food Institute per promuovere pratiche sostenibili di consumo e produzione di cibo

Partono iniziative rivolte agli under 35, Boot Camp per gli studenti e progetti anti spreco

Promuovere iniziative comuni per creare una rete di giovani under 35 consapevole e preparata ad affrontare le sfide del nostro tempo: il cambiamento climatico, la promozione di pratiche agricole sostenibili e l’azzeramento dello spreco di cibo. 
Con questi obiettivi nasce la partnership tra il Future Food Institute di Bologna e il progetto Food Wave, finanziato dalla Commissione Europea e promosso dal Comune di Milano insieme a 16 città internazionali e 13 organizzazioni della società civile.   
Sono diversi i progetti che il Future Food Institute di Bologna, ecosistema che fa della food innovation uno strumento chiave per affrontare le grandi sfide del futuro e sostenere l'implementazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'agenda 2030 delle Nazioni Unite, condividerà con Food Wave. Si comincerà col programma formativo “Boot Camp - Food and Climate Shapers”, sia nella versione digitale, recentemente premiata con il prestigioso riconoscimento internazionale “Innovative New Program - Study Abroad”, sia nella versione "live" a Marettimo e Pollica. Si tratta di un innovativo progetto educativo, organizzato dal Future Food Institute con la FAO e-learning Academy e riconosciuta come buona pratica dall'Unione europea, che ha l'obiettivo di formare una nuova classe di giovani attivisti con profili multidisciplinari e trasferire loro competenze specifiche capaci di mitigare e adattarsi alla crisi climatica attraverso la rigenerazione dei sistemi alimentari.   
Il programma è attivo dal 2019 e vi hanno già partecipato più di 300 studenti, provenienti da 5 continenti e più di 40 paesi del mondo.   
  
A seguire le altre iniziative al centro della partnership:  

  • Acqua nelle nostre mani: progetto promosso a Finish che sviluppa una serie di azioni volte a ridurre lo spreco dell'acqua e sostenere alcune tra le più importanti eccellenze agricole del territorio italiano;  
  • Zero Waste: maratona virtuale ‘gustosa’ che viaggia in tutto il mondo attraverso laboratori e cucine da est a ovest e coinvolge centinaia di persone che si incontrano a pranzo o a cena, scoprendo identità alimentari, rituali e biodiversità sconosciute e discutendo complessivamente dell'impatto delle nostre scelte alimentari e delle perdite e degli sprechi di cibo;  
  • Climate Shapers Conversations: serie di interviste a giovani pensatori e facilitatori, esperti da tutto il mondo, ispirati e motivati ad agire nel mondo reale per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti, per scoprire gli ingredienti più importanti del cambiamento, le loro motivazioni, i loro progetti e tutte le azioni climatiche che stanno implementando nei loro territori;  
  • G20 education & labour e Food for Earth - G20 environment, climate and energy edition: fitta agenda di iniziative, inserite nel calendario ufficiale “All4Climate” del Ministero della Transizione ecologica e organizzate in occasione del G20 Catania dedicato all'Istruzione e del G20 Napoli sui temi Ambiente, Clima ed Energia. Due occasioni in cui il Future Food Institute ha evidenziato il collegamento inequivocabile che vede intersecati cibo e clima, e quanto l'educazione, accessibile a tutti, giochi un ruolo fondamentale nel cambio di paradigma.  

Che cos'è Food Wave? 
Food Wave è un progetto finanziato dalla Commissione Europea, che ha l'obiettivo di creare una nuova alleanza tra sindaci e giovani per un futuro verde, inclusivo e sostenibile delle città. È sviluppato dal Comune di Milano, Dipartimento Relazioni Internazionali del Gabinetto del Sindaco, assieme a 16 città internazionali e 13 organizzazioni della società civile. 
Il progetto si concentra in particolare sull'importanza che possono ricoprire i sistemi alimentari sostenibili a livello urbano e l'adozione di pratiche e stili di vita responsabili da parte dei ragazzi e delle ragazze nella mitigazione dei cambiamenti climatici. 
Food Wave ambisce a informare e coinvolgere i giovani attraverso una piattaforma web e una campagna digital, supportata da un network internazionale di Ambassador e influencers. 
Il progetto prevede inoltre la realizzazione di ricerche e studi specifici su cibo e cambiamento climatico e il coinvolgimento attivo dei giovani attraverso attività online e offline tra cui giochi urbani, scuole di attivismo, forum di discussione, scambi internazionali, concorsi artistici e film festival. 

 

I partner di progetto 
Lead: Municipality of Milan 
Città e agenzie municipali coinvolte: City of Almere, Metropolitan Agency of Brazov, City of Bruges, ReLondon, City of Malmö, City of Madrid, Institute Wcycle Maribor, Municipality of Molenbeek, City of Murcia, Municipality of Nea Smyrni, Pest County, City of Turin, City of Sao Paulo, City of Sofia, City of Warsaw, City of Zagreb 
Organizzazioni della società civile: ActionAid Italia, ACRA, Mani Tese, European Association for Local Democracy – ALDA, ActionAid Hellas,Fundación Alianza por los Derechos, la Igualdad y la Solidaridad Internacional, Biennale des jeunes créateurs de l'Europe et de la Méditerranée – BJCEM, Erasmus Student Network Italy - ESN Italy, Lisbon CLLD Network, Groundwork Greater Manchester, Risteco - Eating City 
Associate partner: C40 

Web: www.foodwave.eu 
Facebook: www.facebook.com/foodwaveproject  
Instagram: https://www.instagram.com/foodwaveproject/ 
Official hashtags: #Foodwaveproject #CatchTheWave

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni