FORESTAMI: PIANO PER 3 MILIONI DI ALBERI - 2

Presentato mdrcoledì 15 lo stato di avanzamento del progetto, individuate 253 nuove aree destinate alla forestazione urbana nella Città metropolitana di Milano

In questi mesi, il lavoro di Forestami con i Comuni e gli enti territoriali di Città metropolitana ha portato all’individuazione di 253 nuove aree disponibili per ulteriori progetti di forestazione urbana (pari una superficie complessiva di 713 ettari) di cui 167 aree (pari a 344 ettari) già disponibili per progetti di forestazione urbana a partire dalla prossima stagione agronomica (novembre 2020). Delle 253 aree individuate: 110 saranno destinate alla realizzazione e implementazione di aree verdi e parchi urbani; 82 alla realizzazione nuovi boschi e fasce boscate; 20 a interventi di forestazione in ambiti residenziali e a servizi (9 scuole, 1 centro sportivo, 2 parrocchie, 1 area feste); 14 a interventi di riqualificazioni boschive; 4 a interventi in aree di particolare rilevanza da un punto di vista naturale; 2 interventi in orti urbani. A queste aree si aggiungono: oltre 137 km di percorsi esistenti da implementare con filari e siepi, 12 km di percorsi da realizzare ex novo e oltre 1 Km di filari da ripristinare dopo una tromba d’aria avvenuta nel 2019.

Le aree destinate ai prossimi progetti di forestazione sono state messe a disposizione da:

  • 24 comuni della Città metropolitana: Abbiategrasso, Cesano Boscone, Carpiano, Colturano, Cornaredo, Gaggiano, Locate di Triulzi, Melegnano, Melzo, Paullo, San Zenone al Lambro, Segrate, Trezzano sul Naviglio, Vimodrone, Vizzolo Predabissi, Basiano, Cambiago, Carugate, Corsico, Gudo Visconti, Masate, Pioltello, Rho, Settimo Milanese;
  • 3 Parchi regionali: Parco Agricolo Sud Milano, Parco nord Milano e  Parco lombardo della valle Ticino;
  • 2 PLIS (parco locale di interesse sovracomunale) Parco agricolo nord est e Parco est delle cave.

“Da quando il Politecnico di Milano ha iniziato la ricerca Forestami, abbiamo immediatamente colto la grande disponibilità e il desiderio del territorio metropolitano e delle sue istituzioni a lavorare insieme per costruire una nuova alleanza tra le aree urbanizzate e il capitale naturale da incrementare - ha commentato Maria Chiara Pastore, Direttore scientifico di Forestami. - Abbiamo lavorato, tutti insieme, per capire dove siano gli alberi all’interno della Grande Milano, attraverso la mappatura della tree canopy cover, dove siano le aree più vulnerabili dal punto di vista delle isole di calore, del dissesto idrogeologico, e dove avremo la possibilità e la necessità di lavorare, grazie al confronto con i comuni e gli enti territoriali metropolitani. Nel prossimo triennio, lavoreremo ai progetti pilota, allo studio del loro impatto sull'ambiente e sulla salute dei cittadini. Forestami diventerà ancor più un caso studio rilevante, pioniero nella nuova relazione tra l’ambiente costruito e l’ambiente naturale”.

Nella stagione agronomica 2019-2020 (novembre 2019 - marzo2020) nella Città Metropolitana sono stati messi a dimora 76.577 tra alberi, piante forestali e arbusti. Un obiettivo che nonostante lo stop imposto dalla pandemia non è molto distante dalle 101.446 piantumazioni che 104 comuni su 133 della Città metropolitana e enti territoriali si erano dati come obiettivo. Delle 24.825 piantumazioni sospese a causa della pandemia, 19.778 saranno recuperate a partire da novembre 2020 con l’avvio della nuova stagione agronomica.

Nel solo Comune di Milano, nell’ultima stagione agronomica il numero delle piantumazioni diffuse che ha coinvolto anche cittadini, studenti, associazioni e aziende private è stato di 23.704 esemplari di cui 19.054 alberi e 4.650 arbusti. 

“In tre anni abbiamo più che raddoppiato il numero di alberi piantati a Milano, tutti mappati in un portale consultabile dai cittadini - ha dichiarato l'assessore all'Urbanistica, Verde e Agricoltura del Comune di Milano Pierfrancesco Maran. - Un risultato non così scontato, considerando la densità della città, ma che ci sprona a fare sempre meglio e di più, incrementando gli interventi nei parchi, rendendo più belle e sostenibili le strade e le piazze di tutti i quartieri, riducendo le isole di calore. La forza del progetto Forestami sta nel riuscire a fare sistema tra i territori della Città metropolitana, moltiplicando i benefici ambientali e creando una continuità verde, a partire dalla nascita del Grande Parco Metropolitano con la connessione tra il Parco nord e il Parco sud, tassello della Milano 2030 che vedrà la nascita di almeno 20 nuovi parchi in città”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni