Franco Cerri ci ha lasciati

Assessore Sacchi: "Se ne va uno dei grandi protagonisti della musica italiana"

"Protagonista della nostra Milano, Franco Cerri lascia un vuoto enorme nella vita culturale della città. Chi, come me, ha avuto il privilegio di conoscerlo o di lavorare insieme a lui sa che la sua era un'anima gentile e generosa, che ha cresciuto generazioni di musicisti insegnando nei Civici Corsi di Jazz da lui fondati insieme a Enrico Intra nel 1987, insegnando per ben trent'anni. Grande professionista, Franco Cerri era un jazzista straordinario, un 'poeta in musica', un milanese che ha portato ovunque la sua chitarra duettando con i più importanti jazzisti del mondo e collaborando con grandi artisti: da Bruno Martino a Billy Holiday, da Chet Baker a Mina. Ambrogino d'Oro nel 2006 per essere stato 'uno dei caposcuola del jazz in Italia e una presenza attiva nella vita musicale italiana dal secondo dopoguerra', ci lascia a rimpiangere la sua ironia e la sua grande umanità, che ha reso fortunati tutti quelli che l'hanno conosciuto, e il suo straordinario talento, che ora non potremo più riascoltare dal vivo".

Lo ha dichiarato l'assessore alla Cultura Tommaso Sacchi, commentando la scomparsa di Franco Cerri.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni