Le celebrazioni del 160esimo anniversario della Polizia locale

Sono intervenuti il sindaco Giuseppe Sala e il comandante Marco Ciacci alle celebrazioni del 160° Anniversario della fondazione del Corpo della Polizia locale di Milano, tenutesi domenicaa mattina all'Arena Civica Gianni Brera

Cari amici, la Festa della Polizia Locale è una occasione per stringerci con affetto intorno ai nostri “ghisa”. Per esprimere la nostra gratitudine a chi lavora in prima linea per garantire la sicurezza della nostra Città. Saluto e ringrazio il signor Prefetto, il Comandante della Polizia Locale e tutte le autorità civili, religiose e militari presenti oggi. Rivolgo a nome dell’intera Città un saluto e un ringraziamento a tutti gli agenti del Corpo, alle loro famiglie e ai loro cari. Il ringraziamento che rivolgo quest’anno è - se possibile - ancora più sentito: l’impegno del Corpo in occasione dell’epidemia di Coronavirus è stato rilevante. Se Milano ha retto meglio di tante altre città d’Italia e d’Europa lo deve anche al suo grande cuore, del quale fa parte anche il lavoro dei nostri agenti. A causa della situazione di difficoltà che stiamo ancora attraversando, la cerimonia di quest’anno è più raccolta e più semplice del solito, ma vogliamo sia ugualmente coinvolgente per i nostri ghisa. L’Arena, appena rinnovata, è senza dubbio un bel palcoscenico dove festeggiare questo anniversario: 160 anni di vita del Corpo della nostra Polizia Locale! 160 anni al servizio di Milano e dei milanesi. Con questa cerimonia guardiamo al passato, al presente e al futuro del Corpo. Certamente rappresentano il futuro gli 89 nuovi agenti a cui diamo oggi il benvenuto: donne e uomini che arricchiranno il Corpo con il loro entusiasmo e la loro voglia di fare. Il loro giuramento di fedeltà alle Istituzioni è un bel segnale; è un gesto che dimostra come Milano, anche in un momento difficile come questo, sa investire sui giovani e sulla sicurezza. Oggi però premiamo anche l’impegno e la professionalità di tanti veterani. Ben 41 agenti ricevono infatti un encomio ufficiale per la partecipazione a importanti operazioni. Sono azioni che rivelano allo stesso tempo professionalità e umanità, determinazione e sensibilità: ricordo solo a titolo di esempio l’attività del Nucleo Tutela Donne e Minori con ben 345 casi trattati in un anno, 8 arresti, 21 misure cautelari adottate e 37 collocamenti in strutture protette. Il loro lavoro è la punta dell’iceberg di un impegno che attraversa la vita quotidiana della nostra città. Un impegno che non si limita al contrasto dell’illegalità, ma si traduce in una presenza attiva in diversi aspetti della vita sociale. Gli agenti della nostra Polizia Locale non sono solo tutori dell’ordine. Sono anche un elemento di coesione sociale, di democrazia, di solidarietà. Lo dimostrano l’assistenza alle persone più deboli in situazioni di pericolo, il presidio delle scuole e le mille occasioni in cui sono vicini alla gente, pronti ad ascoltare, ad aiutare, a offrire sostegno. La festa di oggi è anche l’occasione per fare un bilancio di questi anni di lavoro comune; per guardare insieme ciò che è stato fatto e tracciare le linee di sviluppo di una azione che dovrà proseguire al meglio negli anni a venire. Milano in questi anni è cambiata profondamente, è cresciuta, si è aperta al Mondo come mai prima d’ora. Tutto questo ha innescato nuove dinamiche e creato nuove criticità che la Polizia Locale ha dovuto gestire con professionalità e competenza, mostrando sempre quella propensione all’innovazione che è uno dei tratti distintivi dell’essere milanesi. L’epidemia che ha colpito il Pianeta ha però cambiato tutto. Ha incrinato certezze, ha messo in discussione un modello di sviluppo consolidato, ha modificato profondamente la nostra società e i rapporti stessi tra i cittadini: ha cambiato la vita di tutti noi. Ora faticosamente, ma con decisione, stiamo cercando di ripartire, di costruire una nuova normalità su basi nuove. È una sfida che riguarda tutti, pubblico e privati, Istituzioni e imprese, associazioni e semplici cittadini. In questo compito difficile, Milano sa di poter contare sul contributo e sul lavoro della Polizia Locale. Le linee d’azione che guideranno la nuova fase sono relative a tanti, diversi aspetti. I punti qualificanti dovranno emergere dal confronto e dalla partecipazione di tutte le componenti della società milanese. E il Corpo sarà sempre impegnato in prima persona con risorse, progetti, iniziative per sostenere le politiche dell’amministrazione: dalla sfida ambientale, alla mobilità, alle nuove esigenze di una città sempre più internazionale e multietnica, alla diffusione sempre più capillare delle nuove tecnologie. ...Cari agenti della Polizia Locale, voi siete una vera famiglia, con le sue tradizioni, la sua storia, le sue radici: è sulla solidità di queste radici, sulla vostra professionalità e sulla vostra umanità che facciamo affidamento per affrontare le incertezze della nuova fase che si sta aprendo. Milano sa di poter contare su di voi oggi, domani e sempre. Grazie e buon lavoro 

Giuseppe Sala

Sindaco di Milano


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni