Le telecamere di Area B per le attività di controllo del territorio delle Forze dell’ordine

Firmato Protocollo insieme alla Questura di Milano: l’integrazione del sistema sarà attiva entro la fine dell’anno

È stato sottoscritto dal Comandante della Polizia locale di Milano Marco Ciacci e dal Questore di Milano Sergio Bracco il Protocollo d’intesa per l’utilizzo per scopi di indagine da parte delle Forze dell’ordine dei dati raccolti dal sistema software di monitoraggio delle telecamere di Area B: 55 quelle attive ad oggi, che a regime saranno 187.


“La cooperazione tra le Forze di Polizia e la Polizia locale di Milano - ha commentato il Comandante Marco Ciacci - trova nella gestione integrata dei sistemi di videosorveglianza un’importante risposta in termini di sicurezza per i cittadini”.
Il Protocollo ha come finalità la definizione delle modalità di gestione e di impiego del sistema di lettura targhe, gestito dalla Centrale operativa della Polizia locale di Milano, così che possa inoltrare direttamente le informazioni dei transiti al Sistema centrale nazionale targhe e transiti (SCNTT) presso la Questura di Milano. Quest’ultima si interfaccia con il SCNTT presso il Centro elettronico nazionale (CEN) di Napoli, attraverso la rete dipartimentale del Ministero dell’Interno.
L’obiettivo, che si aggiunge al monitoraggio della mobilità cittadina e al contenimento delle emissioni più inquinanti, è quello di realizzare, dal punto di vista operativo, un’efficace attività di controllo del territorio a fini preventivi e di contrasto ai reati, grazie a un sistema strutturato - che sarà operativo a partire dalla fine di quest’anno - in grado di rilevare in tempo reale situazioni d’emergenza o comunque il verificarsi di condizioni che richiedano l’intervento delle Forze dell’ordine.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni