Tari: già calcolato in bolletta lo sconto del 40%

Prevista anche l’esenzione Tarig per le occupazioni pubbliche temporanee connesse all'emergenza Covid-19

Con due robusti interventi il Comune introduce gli sgravi Tari per le imprese danneggiate dal Covid-19. Dopo l'approvazione in Consiglio comunale del provvedimento, Palazzo Marino procede alle riduzioni della quota variabile per il confinamento: si passa dal 25% previsto dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA), al 40% di Milano.

Le riduzioni saranno direttamente calcolate dal Comune e verranno riportate negli avvisi Tari 2020, senza bisogno da parte degli interessati di presentare domanda. Riguarderanno le imprese sottoposte alla chiusura forzata e alla successiva lenta riapertura (caratterizzata da distanziamenti fisici e rallentamenti negli accessi).

Inoltre, la delibera prevede la riduzione del carico impositivo sulle attività economiche titolari di provvedimenti di ampliamento delle occupazioni pubbliche temporanee, connesse all’emergenza Covid-19. Oltre alla già prevista esenzione della COSAP viene introdotta anche l’esenzione Tarig o Tari (per il periodo in cui è in vigore l’ampliamento).

Il costo di tali provvedimenti, stimato in 17 milioni di euro, verrà ripartito tra il 2020 e il 2023 e coperto con i proventi del recupero dell'evasione tributaria.

Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni