Urbanistica. Per l'ex discoteca Karma una nuova vita all’insegna dello sport e della musica

Piscina, campi da padel e spazi per concerti ed eventi culturali, aggiudicato il bando pubblico per il diritto di concessione dell’area dismessa di Porto di Mare

Una nuova vita all’insegna dello sport e della musica per l’ex Discoteca Karma, a Porto di Mare. L’Amministrazione ha aggiudicato in via provvisoria il bando pubblico per la concessione in diritto di superficie per 90 anni dell’area di via Fabio Massimo alla società Social Music City.
La proposta prevede l’abbattimento dell’immobile dismesso e la nascita di un polo multidisciplinare che comprende la realizzazione di una piscina dotata di anfiteatro urbano all’aperto adatto per ospitare eventi culturali, campi da padel con relativi spogliatoi, una grande piazza all’aperto da cui si dipanano le funzioni principali del nuovo complesso adatta ad ospitare eventi, una tensostruttura per concerti, spazi per la didattica che potranno essere, a seconda delle necessità, utilizzati come camerini per gli artisti coinvolti in spettacoli. Il progetto prevede anche un’area espositiva di circa 600 metri quadrati che potrà ospitare il mercato di Coldiretti e la nascita di un’area verde alberata, che sarà progettata in accordo con l’Amministrazione. Il nuovo polo sarà dotato di un parcheggio per circa 200 posti dotato di pensiline con pannelli fotovoltaici.   
“Finalmente anche l’area dell’Ex Karma ha un grande progetto per il futuro che contribuirà alla rigenerazione di un quadrante di città che cresce ogni giorno di più – ha dichiara l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -.  A poca distanza c’è il Parco di Porto di Mare, rinato con Italia Nostra, il quartiere Corvetto, dove oltre alla nuova sede del Comune stiamo riqualificando lo spazio pubblico, da Piazza Ferrara a piazza Angilberto II, Santa Giulia e Porta Romana, i quartieri delle Olimpiadi, il nuovo campus del Conservatorio a Rogoredo”.  

I nuovi volumi previsti ospiteranno tutti l’insediamento di funzioni di interesse pubblico e copriranno una superficie totale di circa 6.000 metri quadrati e verranno realizzati con attenzione alla sostenibilità, prevedendo l’utilizzo di pannelli fotovoltaici, tetti e pareti verdi.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni