Via Borgogna, riprendono i lavori per la costruzione del parcheggio interrato

Il 2 aprile riprendono i lavori per la costruzione del parcheggio interrato in via Borgogna

Ad agosto era stato approvato il progetto definitivo rivisto e nei giorni scorsi ha avuto approvazione anche l'esecutivo. La durata dei lavori è di 27 mesi con termine nel luglio 2023, ma la sistemazione superficiale sarà precedente all'apertura del parcheggio per consentire la restituzione dell'area ai cittadini in contemporanea con la fine dei lavori della M4 nel primo trimestre del 2023.
Il parcheggio prevede quattro piani interrati con una capienza di 236 posti auto privati, 89 pubblici e 23 moto.
La sistemazione superficiale è stata integrata con la riqualificazione che seguirà la chiusura dei cantieri per la costruzione della M4 progettata lungo l'asse piazza San Babila-corso Europa-largo Augusto, già presentata pubblicamente, e prevede in via Borgogna il parcheggio taxi e un doppio senso di marcia fino a largo Toscanini e la possibilità di accesso a corso Europa solo per trasporto pubblico e taxi. 
La risistemazione dell'area prevede una nuova pavimentazione in cubetti di granito nazionale posati in file parallele e a raso in continuità tra piazza San Babila, largo Toscanini e poi corso Europa, largo Bersaglieri, Verziere fino a largo Augusto: una grande ricucitura urbana fatta di dettagli monocromatici che darà risalto a monumenti, fontane, nuove aree verdi e alberature valorizzando la vocazione pedonale e creando una delle passeggiate più centrali della città.
Il cantiere occuperà in una prima fase circa metà di via Borgogna verso nord lungo tutta la sua lunghezza, da largo Toscanini a via Visconti di Modrone, e successivamente una seconda metà, lato sud. Sono previste cesate di cantiere anche trasparenti per dare visibilità tra i due lati della strada e l’apposizione di rendering esplicativi sul progetto in corso di realizzazione. 
La viabilità durante il cantiere verrà sempre mantenuta nella direzione verso via Visconti di Modrone e nelle intersezioni con via Cino del Duca e via Ronchetti così com'è oggi. Sarà mantenuta una parte della sosta per garantire stalli invalidi e carico e scarico delle merci, mentre saranno recuperati alcuni stalli residenti in via Durini.

Di seguito la scheda in sintesi del Progetto e il relativo rendering

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni