A Comuni lombardi 96 milioni per servizi 0-6 anni 21/22 dal Fondo statale

Via libera dal Ministero dell’Istruzione all’erogazione al sistema educativo delle risorse del Fondo statale per i servizi 0-6 anni delle annualità 2021 e 2022, secondo le priorità già programmate da Regione Lombardia.

Sistema educativo 0-6 Lombardia

A breve i circa 1.100 Comuni lombardi che hanno attivi servizi rivolti a bambine e bambini da 0 a 3 anni – e dunque asili nido, micronidi, nidi famiglia e centri prima infanzia comunali e privati – e da 3 a 6 anni – nelle scuole dell’infanzia paritarie, comunali e private – riceveranno le relative risorse statali per gli anni 2021 e 2022, sulla base della Programmazione che Regione Lombardia aveva già approvato nel mese di novembre 2021.

Gli obiettivi raggiungibili con le risorse

Le risorse permetteranno di sostenere i servizi educativi a livello territoriale e di raggiungere l’obiettivo di garantire che almeno il 33% della popolazione sotto i tre anni a livello regionale acceda ai servizi per la prima infanzia. Tutto ciò in coerenza con gli standard della Comunità Europea e oltre la media nazionale, che si attesta al 27%.

Risorse importanti per i Comuni

“Si tratta di risorse importanti – ha commentato l’assessore all’Istruzione di Regione Lombardia – di cui i nostri Comuni hanno sempre più bisogno. Tra le priorità di intervento abbiamo identificato il sostegno alla qualificazione del personale educativo e docente. Quindi agiremo anche sulla promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali o ancora la stabilizzazione e il potenziamento delle sezioni primavera. Con l’obiettivo di superare progressivamente gli anticipi di iscrizione alla scuola dell’infanzia”.

I numeri dei servizi 0-6 anni in Lombardia

Le priorità della programmazione regionale 2021/2023 sono definite anche alla luce del perdurare dell’emergenza dovuta alla pandemia da Covid-19.
Nel territorio lombardo è particolarmente significativa l’esigenza di sostenere l’erogazione dei servizi educativi. Anche con riferimento all’ampio tessuto di servizi privati per la prima infanzia e delle scuole dell’infanzia paritarie. Lo evidenziano alcuni dati.

Oltre 481.000 bambini

Anzitutto, i numeri della popolazione di età compresa tra zero e sei anni. Nonostante il calo demografico intervenuto a livello nazionale negli ultimi anni, sono oltre 481.000 i bambini e bambine residenti in Comuni lombardi che hanno attivato almeno uno dei servizi 0-6 anni.
A oggi, i servizi per la prima infanzia coprono circa il 32% della popolazione di età compresa da zero a tre anni. La rete dei servizi rivolti alla prima infanzia è costituita da 1.818 asili nido, 256 micronidi, 275 nidi famiglia e 82 centri prima infanzia. In totale si tratta di 2.431 unità e un’offerta di 63.891 posti.

Servizi educativi integrativi

La sperimentazione dei servizi educativi integrativi destinati ai bambini e alle bambine di età compresa tra i 24 e i 36 mesi (Sezioni primavera) aggregati alle scuole dell’infanzia e ai nidi d’infanzia vede in costante crescita i bambini e le bambine iscritti a quasi 500 istituzioni educative erogatrici del servizio. Si tratta di oltre 6.600 piccoli/e.

Istruzione in età prescolare

Per quel che riguarda i servizi di istruzione in età prescolare (da 3 a 6 anni) erogati da istituzioni scolastiche paritarie, in Lombardia si contano circa 1.700 scuole (di cui circa 1.400 scuole paritarie private), con oltre 133.000 bambini/e iscritti/e (di cui oltre 105.000 nelle scuole paritarie private, pari a circa il 50% del totale degli iscritti alla scuola dell’infanzia).
 


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni