Compravendita permessi soggiorno

De Corato: Giusto punire con gli arresti

“Bene arresti per compravendita permessi soggiorno”. Lo ha affermato l'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, che si è congratulato con la Procura di Monza per l’arresto di un assistente capo di Polizia, un imprenditore egiziano e l’interdizione dai pubblici uffici di un ex agente, accusati di compravendita di permessi di soggiorno a seguito di un’indagine della Questura di Milano, reati commessi quando i due agenti prestavano servizio al commissariato di Sesto San Giovanni (Milano).

Non è certamente il primo caso

“Non è certamente il primo caso – ha evidenziato De Corato – di arresti di soggetti accusati di aver agevolato il rilascio di permessi di soggiorno in cambio di soldi o regali. Un business che trova terreno fertile grazie all’enorme numero di domande di permesso di soggiorno presentate e rigettate dalle commissioni territoriali della Lombardia. Si pensi, a esempio, che nel 2019 la commissione di ‘Milano Monza’ ha respinto ben l’86,2% delle richieste”.

Complimenti a Polizia per operazione

L’assessore regionale alla Sicurezza ha detto: “Ringrazio la Polizia per l’operazione svolta: non sarà di certo un poliziotto corrotto a gettare ombra sul lavoro che ogni giorno gli agenti svolgono con dedizione”.

Mai abbassare la guardia

“Torno a ribadire - ha concluso l’assessore De Corato - che non bisogna mai abbassare la guardia. Visto anche l’alto numero di immigrati sbarcati nel 2020 sulle coste italiane, ben 34.154, e i 112.000 clandestini presenti in Lombardia”.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni