Covid, test antigenici rapidi gratis per bimbi da 6 a 13 anni (due al mese)

Moratti: prevenzione fondamentale per ripresa scuola -
F. Sala: in Lombardia puntiamo a lezioni in presenza

Ripresa della scuola in presenza in Lombardia in totale sicurezza. Va in questa direzione la delibera approvata dalla Giunta su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. Il provvedimento, infatti, estende l’offerta di test antigenici rapidi anche alla fascia 6-13 anni. Anche i giovanissimi, dunque non vaccinabili, potranno effettuare gratuitamente due test antigenici al mese, uno ogni 15 giorni, con specifico riferimento alla ripresa in presenza dell’anno scolastico.

Test dal 23 agosto nelle farmacie aderenti e nei centri Asst

“Andiamo ad allargare l’offerta che già nei mesi scorsi abbiamo previsto per gli studenti dai 14 ai 19 anni – ha spiegato la vicepresidente Moratti – nelle farmacie e nei centri di esecuzione tamponi delle Asst. L’iniziativa, che partirà il 23 agosto nelle farmacie aderenti, si prolungherà fino a quando il quadro pandemico lo renderà necessario, in ogni caso fino a ottobre”.
Del resto, specie con il presentarsi e il diffondersi delle varianti – ha osservato l’assessore Moratti – un’attività di questo tipo rivolta alla popolazione scolastica può rivelarsi fondamentale sulla strada del controllo e della prevenzione”.
L’attività di testing è attualmente offerta nella fascia di età 14-19 anni. Facilita l’individuazione precoce delle catene di trasmissione all’interno della comunità scolastica. Ha, infatti, contribuito a limitare l’espandersi del Covid. Al tempo stesso, la continua ricerca attiva di casi è necessaria per tracciare la presenza del virus, in relazione appunto al diffondersi delle varianti.

L’assessore Fabrizio Sala: verso totale riapertura delle scuole

“In vista dell’avvio del nuovo anno scolastico – ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione Fabrizio Sala – questa possibilità aiuta i ragazzi e le famiglie a tenere monitorata la situazione. Visto che i giovanissimi non sono ancora vaccinati. Vogliamo fare tutto il possibile per iniziare in presenza la scuola. Facendo attività di controllo e prevenzione su ipotetici rischi di trasmissibilità del virus. Puntiamo sulla totale riapertura delle scuole perché i ragazzi hanno bisogno di tornare alla normalità”.

Bilancio in Lombardia per febbraio-maggio in vista della ripresa scuola

Nel periodo febbraio-maggio 2021 per la fascia di età 14-19 anni sono stati eseguiti 258.601 tamponi (93.186 antigenici e 165.415 molecolari). Sono stati eseguiti 127.813 tamponi per la fascia di età 11-13 anni (30.864 antigenici e 96.949 molecolari). Per i bimbi da 6 a 10 anni ne sono eseguiti 171.169 (35.099 antigenici e 136.070 molecolari). Nello stesso periodo, si sono registrati 19.708 casi Covid per la classe di età 14-19 anni, 12.099 per la classe di età 11-13 anni e 9.264 e per la fascia 6-10 anni. “I risultati avuti nella prima fase – chiosa l’assessore Moratti – hanno confermato la bontà dell’iniziativa. Per questo abbiamo deciso di proseguirla e ampliarla”.

Massima attenzione per scongiurare colpi di coda del virus

“Ora che la copertura vaccinale nella nostra Regione ha raggiunto percentuali che ci avviano alla conclusione del nostro piano somministrazioni anti Covid – ha concluso la vicepresidente della Regione Lombardia – quello della scuola è un campo dove dobbiamo concentrare la massima attenzione. Questo per scongiurare colpi di coda del virus”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni