Disabilità grave, 14,5 milioni per le persone prive del sostegno familiare

Locatelli: approvati Piano attuativo e Programma operativo regionale per il ‘Dopo di noi’

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessorato a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, ha dato il via libera al Piano attuativo e al Programma operativo regionale per la realizzazione degli interventi a favore di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare ‘Dopo di noi‘.

Le risorse stanziate

Le risorse stanziate ammontano complessivamente a 14.494.010 milioni di euro, erogate tramite le Agenzie di Tutela della Salute e ripartite agli Ambiti secondo le seguenti modalità: 12.107.510 euro in base alla popolazione residente nella fascia d’età 18/64 anni; 2.386.500 euro sulla base del numero di progetti di coabitazione già avviati e in esercizio, secondo i dati acquisiti dai flussi informativi pervenuti da ciascuna Ats.

Obiettivo vita migliore per le persone con disabilità

“L’obiettivo – ha spiegato l’assessore Alessandra Locatelli – è quello di migliorare la qualità di vita delle persone con disabilità, finanziando interventi per sviluppare percorsi di vita rivolti all’autonomia. Il ‘Dopo di Noi’ è un importante percorso dedicato alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare e volto a favore dell’inclusione sociale. Ciò anche attraverso progetti di vita indipendente. Regione Lombardia da tempo è in prima linea nel favorire e nell’agevolare il percorso di inserimento e inclusione delle persone più fragili. E, in linea con le precedenti annualità lo farà finanziando progetti di natura infrastrutturale e gestionale”.

Gli ambiti di intervento

“Nel primo ambito – ha sottolineato Locatelli – è inserita la contribuzione ai costi della locazione e spese condominiali o spese per adeguamenti per la fruibilità dell’ambiente domestico. In questa voce rientrano le spese per il riattamento degli alloggi e per la messa a norma degli impianti. Nonchè quelle per la telesorveglianza o la teleassistenza”. “Nel secondo – ha continuato – il sostegno a programmi di accrescimento della consapevolezza e l’abilitazione e lo sviluppo delle competenze. Ovvero quei percorsi utili per favorire l’autonomia e una migliore gestione della vita quotidiana. Cui si aggiungono la promozione di percorsi di accompagnamento per l’uscita dal nucleo familiare di origine e il sostegno a interventi di domiciliarità presso soluzioni alloggiative. In particolare quelli che si configurano come Gruppi appartamento o Cohousing”.

Il contesto delle politiche regionali per la disabilità

“Questi specifici interventi – ha spiegato l’assessore – si inseriscono nel contesto complessivo delle politiche regionali a favore delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Che è fortemente orientato a mantenere il più possibile la persona con disabilità nel proprio contesto di vita. Nonchè a supportare la famiglia nell’azione quotidiana di assistenza”.

Grande attenzione della Regione alle persone con disabilità

“Anche attraverso questo importante provvedimento – ha concluso l’assessore Locatelli – Regione Lombardia conferma il grande impegno verso le persone con disabilità e le loro famiglie. Il tutto nell’ottica di favorire percorsi di accrescimento della consapevolezza, dell’abilitazione e dello sviluppo delle loro competenze”.
Fla Fe

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni