Dongo/Co, Sertori: Accordo di Programma per sede Protezione civile/Aib

Sottosegretario Turba: da Regione Lombardia stanziati 270.000 euro

A seguito dell’approvazione in Giunta regionale dell’adesione, la Conferenza dei Rappresentanti ha approvato venerdì 15 dicembre l’ipotesi di Accordo di Programma per la realizzazione del progetto di ampliamento, riorganizzazione funzionale e adeguamento impiantistico della sede operativa del servizio intercomunale della Protezione civile del Comune di Dongo (Co), promosso dalla Comunità Montana Valli del Lario e del Ceresio.

Gli interventi

Il progetto prevede diveri interventi. Tra cui la realizzazione di una sala riunioni/area formazione, la costruzione di una nuova autorimessa per i mezzi di soccorso e la riqualificazione di quella esistente, l’installazione dell’impianto fotovoltaico e della pompa di calore per l’autosufficienza energetica e la razionalizzazione di entrate e uscite dei veicoli di servizio.

Sertori: obiettivo rafforzare il servizio

dongo protezione civile

“Abbiamo l’obiettivo - ha spiegato l’assessore a Enti locali e Programmazione negoziata, Massimo Sertori,  - di rafforzare un importante servizio a presidio della sicurezza di un territorio purtroppo recentemente interessato da numerosi e vasti incendi, attraverso l’ampliamento e l’adeguamento degli spazi dell’attuale sede situata nel Comune di Dongo (Co). Attraverso lo strumento della programmazione negoziata concorriamo inoltre al rilancio di questo territorio. Il mio personale ringraziamento va a tutti i volontari che animeranno questa sede e che, con impegno e sacrificio, garantiranno nel tempo il loro prezioso operato alla salvaguardia dei boschi e alla tutela della pubblica incolumità”.

Sottosegretario Turba: progetto ambizioso

dongo protezione civile

Un progetto importante e ambizioso - ha commentato il sottosegretario ai rapporti con il Consiglio regionale, Fabrizio Turba, - che la Regione ha voluto sostenere con forza e convinzione in quanto indispensabile per ottenere un servizio ancora più efficiente della Protezione civile. Il lavoro dei nostri volontari è sempre stato encomiabile. Non si sono mai sottratti. Inoltre, con grande professionalità, hanno assistito le nostre comunità in tutte le emergenze. Un lavoro diventato ancora più prezioso durante questi duri mesi di crisi sanitaria".

Finanziamento importante

dongo protezione civile


 “Abbiamo quindi ritenuto necessario - ha continuato Turba - intervenire con un 
  f
inanziamento così importante. Ciò al fine di rendere la sede operativa della   Protezione più funzionante. Nonchè garantire ai volontari la massima efficienza nel   loro lavoro. Un accordo importante reso possibile anche grazie alla grande   disponibilità della Comunità Montana che da sempre garantisce l’adeguato presidio   in tema di emergenze. Con questo ulteriore investimento che va ad aggiungersi agli   oltre 200 milioni di euro già stanziati Regione Lombardia conferma tutta la sua   vicinanza al Territorio comasco”.


Gigliola Spelzini: grande rilievo a Protezione civile

“Sono soddisfatta per il sostegno che viene dato alla Protezione civile attraverso questo Accordo di Programma - ha commentato Gigliola Spelzini, presidente della Commissione Montagna e consigliere regionale del territorio dell’Alto Lario - l’ampliamento della sede sovracomunale di Dongo assume un’importanza fondamentale poiché è di sostegno alla Protezione civile, risorsa fondamentale per un territorio bello, ma fragile, quale l’Alto LarioVoglio ricordare come le azioni della Protezione civile siano state importanti negli interventi che hanno interessato l’Alto Lario nel devastante incendio del 2018. Nonchè come lo siano tutt’ora in questo periodo di emergenza sanitariaGarantire il massimo supporto ai volontari con azioni concrete, come il percorso che nasce dopo la firma di martedì 15 dicembre, è fondamentale. Al fine di poter tutelare il benessere e la sicurezza dei territori”.

gus

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni