Grafia dialetti lombardi: Galli utile per tramandarli a generazioni future

Una corretta grafia per i dialetti lombardi, obiettivo: poter realmente confrontare ‘parlate’ molto differenti tra loro

Contrarsi sulla grafia
L’assessore regionale all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli, ha aperto i lavori sottolineando quanto “sia importante concentrarsi sulla grafia perché finora il dialetto è stato tramandato prevalentemente per via orale”. “È infatti comprovato da studi scientifici – aggiunge Galli – che attraverso la trasmissione orale il dialetto si va a perdere. Trasmetterlo per iscritto significa tutelarlo”.

Idiomi e autonomia
“Si tratta di un argomento strettamente legato all’autonomia politica, amministrativa e culturale. Penso, per esempio, alla Spagna che da quando ha costituzionalizzato gli idiomi locali è partita con il processo di federo-regionalizzazione. Processo che l’ha quindi portata ad essere uno Stato fortemente decentrato” conclude Galli.

I relatori
Evento è stato moderato da Andrea Rognoni, direttore del Centro. Hanno relazionato Marco Tamburelli, dell’Università di Bangor, Galles, sul ‘La questione ortografica: quale soluzione per la lingua lombarda’, Manuele Miola, dell’Università di Bologna su ‘Una, nessuna, centomila ortografie lombarde? Qualche riflessione a partire dai siti web’. Infine Lissander Brasca, ricercatore di linguistica dell’Università di Bangor, Galles. Tema ‘Scriver Lombard, un’ortografia polinomico-locale per la lingua lombarda’.

Torquato Lopoli

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni