Nutrie, nuova legge stanzia 500.000 euro per contenimento ed eradicazione

Rolfi: pronto bando, pest-control per contenere problema
Assessore: serve fondo nazionale, Stato ci ascolti

Approvata dal Consiglio regionale la nuova legge lombarda per il contenimento e l’eradicazione delle nutrie. Tra gli elementi qualificanti la  definizione delle competenze degli enti territoriali, un percorso congiunto con le associazioni di categoria e il fondo annuale da 500.000 euro. La norma include anche nuove iniziative per contenere un problema che sta generando danni incalcolabili all’agricoltura lombarda e un pericolo per la sicurezza.

Nutrie nuova leggeNutrie, nuova legge lombarda

Regione Lombardia vuole mettere in campo tutte le azioni possibili per contenere un problema enorme, rappresentato dalla proliferazione della nutria. - Lo ha spiegato l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi .
“Con i 500 mila euro previsti dalla nuova legge regionale – ha aggiunto – avvieremo un bando per sperimentare aziende specializzate in ‘pest control’. Con una grande quantità di gabbie affiancheranno i volontari in questa attività, definendo obiettivi e zone d’azione. Negli Stati Uniti e in altri Paesi questi interventi hanno funzionato”.
“Oltre a mettere in pericolo la redditività delle aziende agricole 
– ha ricordato l’assessore – le nutrie scavano tunnel che causano cedimenti degli argini e dei terreni e, di conseguenza, anche delle strade limitrofe. Rappresentano un rischio per la sicurezza stradale. Chi percorre le provinciali in pianura sa quanto sia facile vedere uno di questi roditori attraversare la carreggiata”.

I contenuti del provvedimento

Le modifiche di legge approvate introducono maggiore flessibilità amministrativa e operativa per gli enti locali e gli operatori e garantiscono chiarezza dei ruoli.
I Comuni saranno competenti nella gestione del sovrappopolamento e coopereranno, anche in forma associata, ai piani di eradicazione predisposti dalle Province. Potranno inoltre stipulare convenzioni con associazioni venatorie, ambiti territoriali di caccia e comprensori alpini. Tutto ciò  per il supporto dell’attività di controllo, attenendosi alle linee guida indicate dalla Regione. Le Province predisporranno anche i piani, organizzeranno la raccolta e lo smaltimento delle carcasse e istituiranno tavoli di coordinamento con i soggetti interessati.
La Regione effettuerà infine una programmazione sulla base della consistenza della specie ed emanerà linee guida per le attività dei Comuni.

Nutria emergenza nazionale

“Ringrazio il Consiglio regionale – ha concluso Rolfi – per il lavoro svolto. Ammodernare la norma, condividendo il percorso con tutti gli enti e le associazioni, era davvero fondamentale. Ora chiediamo al Governo di ascoltare un appello unanime delle Regioni della pianura padana: trattare la nutria come una emergenza nazionale e istituire un cospicuo fondo ministeriale per affrontare il problema in modo congiunto e serio”.

Sa Mu

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni