Olimpiadi, modificato lo statuto della Fondazione Milano-Cortina 2026

Presidente Lombardia: team affiatato e gioco di squadra, concretezza sarà nostra arma vincente per le Olimpiadi del 2026

“Sportivamente parlando, visto che il tema è quello delle Olimpiadi, non posso che confermare come il nostro team sia affiatato e compatto e, attraverso un gioco di squadra, arriverà al traguardo centrando l’obiettivo di farsi trovare pronto per i Giochi in programma nel 2026”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, dopo aver partecipato parte all’incontro di oggi a Milano, in cui è stata firmata la modifica dello Statuto della Fondazione Milano-Cortina 2026. Alla riunione, che si è svolta presso la sede della Fondazione Milano-Cortina, erano presenti il ministro per lo Sport e i Giovani, il presidente del CONI e della Fondazione Milano-Cortina 2026, Giovanni Malagò; il presidente del CIP, Luca Pancalli; l’amministratore delegato della Fondazione, Andrea Varnier; i presidenti delle Regioni Lombardia e Veneto, quello della Provincia Autonoma di Trento, il vicepresidente della Provincia Autonoma di Bolzano e i sindaci delle città ospitanti, Milano e Cortina.

“Di certo – ha aggiunto il governatore della Lombardia – non temiamo le cassandre che, anche in queste ore, inspiegabilmente, sembrano augurarsi che ‘tutto vada storto’. Il mix formato da Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige, che hanno sempre fatto della concretezza il loro modo di agire, supportato da Governo, CONI e Fondazione, porterà lustro all’intero Paese per un evento importante e atteso”.
SA MU


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni