Zone sismiche, da Regione Lombardia 503.500 euro a 108 Comuni

Contributi alle Province di Bergamo, Brescia e Mantova

Sono 503.500 gli euro assegnati a 108 Comuni delle zone sismiche delle province di Bergamo, Brescia  e Mantova.
Sono quelli in zona sismica 2 e 3 in base alla suddivisione del territorio regionale.
È questo l’esito del bando di Regione Lombardia che prevede l’assegnazione di contributi per l’esercizio delle funzioni trasferite ai Comuni in materia di opere o di costruzioni e relativa vigilanza in zone sismiche, per l’anno 2022.
“Anche quest’anno abbiamo voluto dare un segnale di vicinanza a tutti quei Comuni che devono gestire per legge le pratiche sulla vigilanza sismica. In particolare, ci sono rilevanti oneri da espletare a seconda delle caratteristiche di rischio sismico nelle quali ricadono i diversi Comuni”. Così l’assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.

Zone sismiche lombarde
Il bando prevede inoltre di destinare una quota da assegnare esclusivamente ai 57 Comuni di zona sismica 2. La ripartizione è proporzionale al numero di autorizzazioni adottate nel 2021.
Queste funzioni riguardano in particolare le necessità organizzative e di supporto specialistico in materia sismica. La misura prevede il riconoscimento di un contributo massimo di 4.000 euro per i Comuni di zona sismica 2 e 1.800 per quelli classificati in zona sismica 3.

Tre Province coinvolte
Questa, di seguito, è la tabella riassuntiva dei contributi richiesti dai 108 Comuni aderenti. Sono 88 per la provincia di Brescia, 11 per quella di Bergamo e infine 9 per Mantova.
Aldo Basso

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni