CON WALL OF DOLLS MILANO DICE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

Un’iniziativa importante per sensibilizzare i cittadini al rispetto della femminilità

Milano si mobilita contro il femminicidio in occasione della settimana della moda di giugno. Torna per il quinto anno  consecutivo “Wall of Dolls”, il muro delle bambole per dire no alla violenza sulle donne e contro ogni  discriminazione di genere. A  dare il via all'iniziativa, nel pomeriggio di venerdì 15 giugno, l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive, Moda e Design Cristina Tajani insieme a Jo Squillo, vera ideatrice di Wall of Dolls. L’installazione, nata con il patrocinio del Comune di Milano, sarà visibile a tutti cittadini presso la facciata esterna del Centro Culturale di Via De Amicis,2.
“È significativo che i protagonisti della settimana della moda, del mondo dello spettacolo insieme a tanti semplici cittadini si siano attivati a sostegno di una causa così importante, anche alla luce dei più recenti fatti di cronaca. Fatti che dimostrano come ci sia ancora molto da fare per contrastare la violenza sulle donne e ogni discriminazione di genere”. Così ha commentato l'iniziativa l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive, Commercio, Moda e Design, Cristina Tajani . “Violenza - ha concluso l’assessore - che avviene soprattutto tra le mura domestiche ed è quindi nascosta. È necessario che tutti, e in primo luogo chi è più conosciuto al grande pubblico, apporti il suo contributo per sensibilizzare le nuove generazioni a una cultura del rispetto e della parità tra i generi”. 
Wall of Dolls  è ormai diventato  un simbolo permanente di  Milano a testimonianza della volontà della città di dire basta alla violenza sulle donne e contro ogni discriminazione di genere.  Tra le celebrità e stilisti che hanno contribuito in questi anni alla creazione di Wall of Dolls: Valentina Pitzalis, Lucia Annibali, Laura Roveri, Giusy Versace,  Valeria Fedeli, Arisa, Maria Grazia Cucinotta, Giusy Ferreri,  Elenoire Casalegno, Tessa Gelisio, Margò Volo,  Nicola Zingaretti, Michele Baldi, Giada Desideri, Giovanna Rei, Beatrice Aiello, Chiara Alberti, Max Laudadio, Roshelle, Lino Banfi, Noemi, Maurizio Battista, Paola Iezzi, Ginger Bender,  Lisa Dalla Noce, Francesca Carollo, Beppe Convertini,  Ivana Spagna, Marianne Mirage, Antonietta Laterza,  Barbara Fabbroni, Alberta Ferretti, Blumarine, Laura e Lavigna Biagiotti, Diesel, Elena Mirò, Elisabetta Franchi, Antonio Marras, Etro, Clips, Ermanno Scervino, Eva Cavalli, Fausto Puglisi, Frankie Morello, Genny,  Luisa Beccaria, Coemar, Geox,  Francesco Scognamiglio, Kristina Ti, Manuel Facchini, Max Mara, Missoni, OVS, Costume National, Strenesse, Salvatore Ferragamo, Petite Robe di Chiara Boni, Stella McCartney, Trussardi, Vivienne Westwood, Paola Montaguti per Miss Grant, Nenella Impiglia per Vic Matiè, Pierre Mantoux, Beatrice B,  Le Silla, Izumi Ogino per Anteprima, Isabella Tonchi, Happiness, Liborio Capizzi , Gisella Borioli, Micol Puccini, Raffaela D'angelo, Martino Midali, Vladimiro Gioia, Mauro Gasperi, Keep Out, Mantù, BearBag, MiMiSol, Sea Design, Dimensione Danza, Caterina Lucchi, Extro e molti altri.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni