Giorno del Ricordo: “Una vicenda del passato che può darci la direzione per il futuro”

Il Sindaco Orlandi ha commemorato i martiri delle foibe e gli esuli con i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione

Una pioggia che incute tristezza, ma che “apre a un domani in cui il sole possa tornare a splendere e si possa ammirare da questo che è uno dei luoghi più alti della città, da cui osservare la strada che l’anima di chi nelle foibe ha perso la vita potrà indicarci, perché tutto questo non avvenga più”.

Il Sindaco Andrea Orlandi ha tratto spunto dal meteo e dal significato profondo del momento che stava vivendo per commemorare le vittime delle foibe, celebrate oggi, 10 febbraio, nel Giorno del ricordo.

Per tanto tempo non si è voluto approfondire, ma da vent’anni è stata istituita questa giornata e permette di ricordare il male commesso contro tanti cittadini italiani, infoibati o portati in campi di concentramento -  ha detto il Sindaco -   È una pagina che va affrontata ripartendo dalla storia. Per la prima volta abbiamo voluto organizzare anche una serata di approfondimento che ripercorra quella situazione complessa fonte di tanta sofferenza”.

Orlandi ha proseguito: “Ricordo bene il muro nella piazza della stazione di Gorizia, abbattuto molto recentemente. Ricordo la cerimonia che vide insieme Romano Prodi e il presidente sloveno. Quello è un confine che c’è e non c’è, la rete ricorda quello che è stato. Io l’ho visitato in fase Covid, quando non si poteva passare da uno Stato all’altro. E ricordo due donne che si parlavano vicinissime, una da un lato e una dall’altro. Dopo guerre e atrocità, non possiamo non commemorare sia i morti sia gli esuli, perché essere costretti ad abbandonare la propria casa, la propria terra, è orribile e disgrega una comunità. Oggi dobbiamo ripartire dalla storia per trarre prospettive nuove sul futuro. Allora la libertà fu minata. Oggi dobbiamo rimettere al centro la storia, abbandonare qualche polemica di tipo politico, fare chiarezza e guardare avanti. Questa è una vicenda del passato che può darci la direzione per il futuro e oggi più che mai ne abbiamo bisogno. Questo è uno dei luoghi più alti della città, si contrappone alle foibe che stanno in fondo. Auspico che le persone i cui resti sono rimasti nelle foibe possano salire verso l’alto e dall’alto indicarci la strada perché tutto questo non avvenga mai più”.

Lunedì 19 febbraio alle ore 21, all’Auditorium di via Meda 20, si terrà un convegno dal titolo “Giorno del Ricordo e frontiera adriatica” organizzato dall’Ufficio cerimoniale, Eventi e Relazioni istituzionali del Comune di Rho con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia. Interverrà il professor Raoul Pupo, senior scientist di Storia contemporanea e Storia della Venezia Giulia dell'Università di Trieste. Sono previste le testimonianze di famiglie giuliano dalmate che vivono a Rho da molti anni.
Angela Grassi
angela.grassi@comune.rho.mi.it

L'INGLESE CANTANDO

Milano in Giallo

di Albertina Fancetti, Franco Mercoli, Alighiero Nonnis, Mario Pace
EDB Edizioni

Com'è bella Milano

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

L'Osteria degli Orchi

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni