Il bimbo arabo e l'anziana ebrea al Parenti

Pubblicato nel 1975 La vita davanti a sé di Romain Gary è un romanzo commovente e ancora molto attuale. Narra di Momò, un  bimbo arabo che vive in un quartiere multietnico nella pensione di Madame Rosa, anziana ex prostituta ebrea che vive prendendosi cura degli “incidenti sul lavoro” delle colleghe più giovani. Il genio del controverso scrittore ha anticipato senza facili ideologie e sbrigative soluzioni il tema dei temi contemporaneo la convivenza tra culture, religioni e stili di vita diversi. I flussi migratori oggi più che mai complicano e appesantiscono una crisi economica, che, soprattutto in Europa, sembra diventata strutturale, creando nuove e antiche paure

Dopo l'adattamento per il cinema nel 1977, al teatro Parenti è Silvio Orlando, che cura e mette in scena, con leggerezza e ironia, la versione teatrale, oltre a interpretare con naturalezza il bambino Momò nel suo dramma. Lo spettacolo non racconta solo di vite ai margini, ma anche di un’improbabile storia d’amore, tenera e delicata.
Un autentico capolavoro "per tutti", dove la commozione e il divertimento si alternano senza respiro. Il disperato abbraccio contro tutto e tutti di Momò e Madame Rosa e le ultime parole del romanzo di Gary, “bisogna voler bene” dovrebbero diventare un imperativo necessario in questi anni, in cui l'indifferenza prende troppo spesso il posto della compassione . Fino al 6 febbraio, in Sala Grande.

Gli orari, come sempre al Parenti, cambiano a seconda del giorno. 

Grazia De Benedetti

Teatro Franco Parenti - via Pierlombardo 14 – Info e prenotazioni  biglietteria@teatrofrancoparenti.com    
Acquisto biglietti www.teatrofrancoparenti.com

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni