LA MILANESIANA 2019 AL MEXICO

Omaggio a Florestano Vancini

È questa al Mexico un'estate fitta di incontri de LA MILANESIANA 2019 Letteratura, Musica, Cinema e Scienza, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, 20ª edizione.
SABATO 29 GIUGNO l'intera giornata è un omaggio al grande regista ferrarese Florestano Vancini, scomparso nel 2008, alla sua opera e alla sua poetica.  Ve ne illustro qui di seguito gli appuntamenti e gli orari.
Per LA ROSA MONOGRAFICA , IN COLLABORAZIONE CON CSC – CINETECA NAZIONALE
OMAGGIO A FLORESTANO VANCINI
Proiezioni:
? ore 11.30 La lunga notte del ’43 (1960, 106’)
? ore 13.30 La banda Casaroli (1962, 100’)
? ore 15.30 Il delitto Matteotti (1973, 120’)
? ore 18.00 La neve nel bicchiere" (1984, 144’)
Introducono Alberto Pezzotta, Giulio Sangiorgio  
E ridendo l’uccise (2005, 121’)
Per l'evento serale La Milanesiana propone l'ingresso a offerta libera (minimo 5 €)
FLORESTANO VANCINI
Regista e sceneggiatore, nato il 24 agosto 1926, giovane giornalista per Il Corriere del Po e per La nuova scintilla , settimanale della Federazione Provinciale del PCI, iniziò l’attività nel cinema nei primi anni Cinquanta con una serie di cortometraggi, dopo essere stato aiuto regista e sceneggiatore per La donna del fiume (1954) di Mario Soldati e aiuto regista di Valerio Zurlini per Estate violenta (1959).
L'anno successivo esordì nel lungometraggio con La lunga notte del '43 - trasposizione di Cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani - che ottenne il Premio Opera Prima al XXI Festival di Venezia e valse il Nastro d’argento a Enrico Maria Salerno come Miglior attore non protagonista (1961).
Appassionato di politica, Florestano Vancini si dedicò nella sua lunga carriera a un cinema "impegnato" che negli anni successivi portò sul grande schermo vari episodi della storia italiana, come in La banda Casaroli (1961), 'Bronte: storia di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato (1971) e Il delitto Matteotti (1973), che vedrete in questo omaggio de La Milanesiana e con il quale vinse il Golden Globe 1974 per il Miglior film.
È stato anche attore in Cadaveri eccellenti (1976) di Francesco Rosi.
Negli anni Ottanta realizzò per la televisione le fiction La neve nel bicchiere (1984), La piovra II (1986) e Piazza di Spagna (1991), oltre ad alcuni episodi della serie Il giudice istruttore. 
Nel 2005 realizzò per il grande schermo E ridendo l'uccise, un film storico in cui racconta come le ingiustizie e la crudeltà fossero comuni anche nel Rinascimento. È la sua ultima opera.
Vi aspetto cari amici, non perdete quest'occasione unica di vedere o rivedere questi film sul grande schermo, nella loro bellezza originale, perché ben sapete che solo al cinema il cinema è Cinema!
Antonio Sancassani

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni