IMMORTALE AMATO - BEETHOVEN, IL TITANO CHE INNAMORA

Spazio Teatro 89 e Coop Lombardia presentano “In Cooperativa per Amare la Musica - Concerti Fior Fiore Coop” la 19a rassegna musicale in collaborazione con Serate Musicali, martedì 28 gennaio alle ore 20,30 “Trasformazioni, rivoluzioni - Beethoven e il violoncello, una storia a lieto fine”.

Il secondo concerto del festival “Immortale amato - Beethoven, il Titano che innamora”, parte integrante della rassegna di classica “In Cooperativa per Amare la Musica”, è in programma allo Spazio Teatro 89 di Milano martedì 28 gennaio (ore 20,30; ingresso 7-10 euro), quando sul palco dell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 si esibiranno la violoncellista Ursina Braun e la pianista Alice Baccalini. Il nuovo appuntamento ha un titolo, per così dire, programmatico: “Trasformazioni, rivoluzioni. Beethoven e il violoncello, una storia a lieto fine”.
Tra gli innumerevoli meriti di Beethoven c’è, infatti, anche quello di aver “sdoganato” l’uso del violoncello nella musica da camera, esaltando tutte le potenzialità espressive, liriche e virtuosistiche di uno strumento fino a prima, con l’eccezione notevole ma isolata di Luigi Boccherini, tendenzialmente relegato nel basso continuo o comunque in ruoli gregari.
Lo spirito innovativo del Titano di Bonn si esplicita fin dall’op. 5 n.1, prima delle cinque Sonate dedicate al violoncello, in cui lo strumento compete e collabora da pari a pari con il pianoforte in una forma di respiro quasi più sinfonico che cameristico per ampiezza ed eloquenza. Nell’op. 69, la fusione tra i due strumenti è ancora più assoluta: al violoncello è affidato anche un “a solo” d’esordio, un ispirato melisma la cui dolcezza preannuncia il tono di commossa interiorità che sarà carattere prevalente dell’intera composizione.
Le Variazioni sul Flauto Magico, oltre a porsi quale omaggio a Mozart, ci mostrano la contiguità tra forma Sonata e serie di Variazione nella peculiare tecnica di “variazione in sviluppo” beethoveniana.
A interpretare la densa materia musicale e la inesauribile varietà espressiva di questo programma sono state chiamate due musiciste colte, sensibili e dotate al tempo stesso di qualità solistiche e vocazione cameristica: la violoncellista Ursina Braun e la pianista Alice Baccalini. Il concerto è idealmente dedicato alla memoria di Claudio Acerbi, fondatore dello Spazio Teatro 89, nel decennale della prematura scomparsa.

Ava Tanin

Spazio Teatro 89, via Fratelli Zoia 89, 20153 Milano. Tel: 0240914901;

Biglietti: interi 10 euro; ridotti 7 euro (Under 25, Over 65, soci Coop e Coop Degradi, titolari CartaPiù Feltrinelli, IBS, soci Touring Club Italia, Arci).
Immortale amato - Beethoven, il Titano che innamora”, martedì 28 gennaio, ore 20.30.
Trasformazioni, rivoluzioni: Beethoven e il violoncello, una storia a lieto fine.
Ursina Braun, violoncello; Alice Baccalini, pianoforte.

Programma 

L. van Beethoven (1770-1827): Sonata in fa maggiore op.5 n.1 - (Adagio sostenuto. Allegro; Rondò: Allegro vivace);
12 Variazioni sul Tema “Ein Mädchen oder Weibchen” dal “Flauto Magico” di W.A. Mozart; op.66 Sonata in la maggiore op. 69 - Allegro ma non tanto; Scherzo: Allegro molto; Adagio cantabile; Allegro vivace


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni