“NATURA” AL MUBA

La nuova mostra gioco per bambini dai 2 ai 6 anni dal 24 gennaio al 6 gennaio 2020.

Proposte di gioco dedicate ai bambini degli Asili Nido e delle Scuole dell’Infanzia, con un percorso emozionante, attivo e sensoriale che si snoda attraverso quattro diverse postazioni di gioco, ognuna delle quali indaga una categoria di percezione sensoriale ben definita. È questo lo spirito della nuova mostra-gioco di MUBA dal titolo: ”Natura. Giocare e scoprire la natura con occhi nuovi” che si rivolge ai bambini della fascia d’età dai 2 ai 6 anni. Finalità della mostra è la crescita della capacità di osservazione dei più piccoli, dando loro quegli strumenti che da un lato semplificano l’esplorazione della natura, dall’altro propongono quelle attività ed esperienze che non si possono trovare “fuori” in una situazione naturalistica tradizionale. 
Alle ideazioni delle singole installazioni hanno partecipato esperti del mondo pedagogico e culturale oltre a diversi artisti e creativi. Ed ecco le quattro postazioni di gioco che troveranno i bambini. “Il prato smisurato” è dedicato al concetto di spazio e al suo interno i bambini giocheranno in un prato fuori scala, dove si nascondono animali e vegetali declinati in tre dimensioni differenti. Un paesaggio mutevole in base agli elementi che ne fanno parte. Questa installazione è curata da Elisa Testori con la partecipazione della scenografa Isadora Bucciarelli. 
Ci sarà “Il giardino incartato” che approfondirà il tema della ricorsività delle forme presenti in natura, quali la linea, il cerchio, la raggiera e la spirale. Qui i bambini potranno osservare e toccare queste forme con le loro mani. Essi troveranno strutture di carta modulabili di grandi dimensioni, che ricordano gli origami di tradizione giapponese. L’installazione è curata da Barbara Zoccatelli, pedagogista e formatrice presso l’Università di Trento e Atelier La Coccinella scs. Le opere cartacee presenti nell’installazione, sono opera di Daniele Papuli scultore attivo nell’ambito della Paper Art. 
La terza postazione vedrà “La camera delle meraviglie” che indaga il concetto di materia partendo dall’allestimento di una vera e propria “wunderkammer” contenente una raccolta di materiali naturali e oggetti speciali. Anche qui i diversi elementi presenti si potranno esplorare grazie ai sensi o con l’uso di ingrandimenti. L’installazione è curata da Monica Guerra, Ricercatrice e docente presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di Milano-Bicocca e Presidente di Bambini e Natura mentre la progettazione della struttura è a cura degli architetti Lula Ferrari e Lola Ottolini. 
A chiudere la mostra è “Il paesaggio di passaggio”, un percorso che si snoda attraverso otto passaggi nei quali i bambini scoprono come in natura esistano diverse e possibili sfumature dei colori naturali, quindi ad esempio non esiste un solo blu cielo o verde prato, ma per ogni colore, in natura, ci sono tante tonalità. L’installazione è curata da Francesca Valan Color Designer, già co-curatrice della precedente mostra Colore, e vede il supporto di Rosella Cilano, tintora e presidente Associazione Colore e Tintura Naturale M.E. Salice che ha supervisionato la realizzazione di un campionario di filati, presenti in mostra, tinti esclusivamente con colori naturali e 
Per il pubblico adulto saranno presenti didascalie di approfondimento per aiutare i bambini alla comprensione del tema della mostra.  ci saranno delle proposte e contemporaneamente alla mostra, membri del comitato scientifico terranno appuntamenti di formazione per insegnanti, educatori e persone interessate. 
Per info. www.muba.it

Manuelita Lupo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni