Passa dall’Italia la sfida più dura delle Alpi

Domenica prossima 30 milanesi al via della Ötztaler Radmarathon

Sono 944 i ciclisti italiani che affronteranno la più temuta granfondo ciclistica d’Europa. Rigorosamente a numero chiuso, al via ci saranno 4.500 concorrenti provenienti da 34 nazioni.
La competizione più dura e impegnativa delle Alpi, giunta alla sua 36. edizione (e con oltre 19.000 richieste d’adesione) si svolge domenica 28 agosto 2016. Un unico e lungo percorso che si snoda per complessivi 238 km con 5.500 m di dislivello, chiuso in gran parte al traffico veicolare. Partenza da Sölden nella valle tirolese dell’Ötztal e attraverso il Kühtai (2.020 m), in direzione Brennero (1.377m), si sconfina in Italia a Vipiteno attraversando successivamente i passi Giovo (2.090) e Rombo (2.509 m), per poi fare ritorno a Sölden in Tirolo. I 5.500 m di dislivello sono suddivisi su 40,5 km di percorso pianeggiante, 95,7 km di salita e 101,9 km di discesa. I partecipanti della„Ötztaler“, provenienti da 34 nazioni,  sono prevalentemente di sesso maschile, mentre solo il 5 % circa è rappresentato dalle donne in gara.  Le squadre saranno 1977 mentre i tedeschi i più numerosi con il 48,8 % dei partecipanti, 20,7 % gli austriaci, 19,9 % gli italiani. Dall’Italia arrivano ciclisti da 87 province (su un totale di 92): 15,2 % dalla provincia di Bolzano, 3,5 % da Torino, 3,3 % da Reggio Emilia, 3,3 % Trento, 3 % da Milano. Tra i partecipanti italiani ci sarà anche Fabrizio Ravanelli. Il ciclista meno giovane è l’italiano Isolani Furio Camillo di Volterra (PI), nato nel 1942, la donna meno giovane è invece la salisburghese Theresia Holzleitner di 66 anni. Il gruppo dei partecipanti nella fascia tra i 40 e i 49 anni è quello dominante in entrambi i sessi. Si partirà alle ore 06.45 dal centro di Sölden con i tiratori scelti austriaci a dare il via ufficiale con un potente colpo di cannone, che farà tremare i sellini. Al lungo serpentone serviranno circa 20 minuti per lasciarsi alle spalle la località tirolese e dirigersi verso il fondovalle dell’Ötztal.
Il percorso: Partenza a Sölden – Ötz 800m – Kühtai 2020m – Innsbruck 600m – Brennero 1377m – Vipiteno 960m – Passo Giovo 2090m – San Leonardo in Passiria 700m – Passo Rombo 2509m – Sölden 1377m.
I passaggi sui valichi: Ötz – Kühtai : 18,5 KM; 1200 m di dislivello; ristoro al 51. chilometro; Innsbruck – Brennero 39 KM; 777 m di dislivello; ristoro al km 127; Vipiteno – Passo Giovo: 15,5 KM; 1130 m di dislivello – ristoro al km 161; San Leonardo – Passo Rombo 28,7 KM; 1759 m di dislivello – ristoro al km 201 e km 209.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni