Riuniti per la prima volta in una mostra gli arazzi Medicei di Palazzo Vecchio

Il 29 aprile, alla vigilia di Expo, arriva, da Roma, a Palazzo Reale, la mostra Il Principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino.

Una rassegna splendida, che riunisce per la prima volta, dopo centocinquanta anni, i venti preziosissimi arazzi, commissionati da Cosimo I de’Medici  tra il 1545 e il 1553 per la Sala de’Dugento di Palazzo Vecchio a Firenze. I disegni preparatori furono affidati ai maggiori artisti del tempo, primo fra tutti Jacopo Pontormo, poi Cosimo I, insoddisfatto, si rivolse ad Agnolo Bronzino, allievo di Pontormo e pittore di corte. Li realizzarono con grande raffinatezza, nella manifattura granducale, una delle prime istituite in Italia, i maestri arazzieri fiamminghi Jan Rost e Nicolas Karcher. Nel 1882, per volere dei Savoia, gli arazzi con la storia di Giuseppe furono divisi tra Firenze e il Palazzo del Quirinale a Roma. La serie di Pontormo e Bronzino, oggetto di un complesso e lungo restauro, è una delle più alte testimonianze dell’artigianato e dell’arte rinascimentale. Promossa dalla Presidenza della Repubblica e dai Comuni di Firenze e Milano, in collaborazione con i Ministeri dei Beni culturali e delle Politiche Agricole, Expo 2015, Fondazione Bracco e vari sponsor, l’esposizione è un evento di portata internazionale, sia per la sua rilevanza simbolica, culturale e storico artistica sia per l'unicità della composizione. Questi capolavori - afferma Diana Bracco, che ha voluto l'iniziativa - incarnano appieno lo spirito del Rinascimento nella sua ricerca del bello e nell’esaltazione del saper fare italiano. Fino al 23 agosto. Il catalogo è Skira.
Grazia De Benedetti

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni