Teatro dell'Elfo, gli spettacoli di fine dicembre

Carrozzeria Orfeo torna al Teatro dell'Elfo, dal 30 novembre al 31 dicembre, con il suo spettacolo più politico, “Miracoli metropolitani” di Gabriele Di Luca, che cura anche la regia, insieme a Massimiliano Setti e Alessandro Tedeschi.

Prodotto da una rete di teatri, compreso l'Elfo, è uno spettacolo dove si ride tanto, trattando temi molto seri: la questione ambientale, la solitudine e la responsabilità. Il mondo di “Miracoli metropolitani” ha come fulcro l’alimentazione e il rapporto con il cibo, come compensazione del dolore e come alienazione di un Occidente decadente e sovralimentato, sempre più distratto e imprigionato dai suoi passatempi superflui: "Miracoli metropolitani si svolge nella cucina di un ristorante prossimo alla chiusura, che, per non fallire ha deciso di riciclarsi in un servizio di consegna a domicilio, un fenomeno che spesso nasconde delle truffe. - Racconta Di Luca. - Il mondo è diventato un luogo inaffidabile, intollerante e meschino dove anche la sanità e la scuola si stanno trasformando in istituzioni ogni giorno più decadenti e incuranti del futuro. In più incombe un pericolo imminente: le fogne della città, ormai sature di inquinamentoe rifiuti tossici, stanno esplodendo escrementi, simbolo di pensieri e azioni malate, di un capitalismo culturale orribile, di un’umanità alla deriva dove la merda più che nelle fogne sembra annidarsi nei cervelli". 

Fino al 19 dicembre “Nel tempo che ci resta” di e con César Brie è un lavoro all'insegna dell'impegno civile, frutto di una ricerca di più di due anni sulle figure di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Tommaso Buscetta. Lo spettacolo, che denuncia l'intreccio tra criminalità organizzata, affari, politica, servizi segreti deviati, si presenta soprattutto come un atto d'amore e di gratitudine nei confronti di chi ha dedicato e chi oggi continua a dedicare la sua vita alla collettività e alla giustizia. Nel racconto della tragedia che ha segnato le vite dei due magistrati e delle loro famiglie si intrecciano le vicende personali e pubbliche, le gioie e i drammi di queste vite che hanno scelto di lottare contro la mafia. 

Sempre fino al 19 dicembre, Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa presentano “Memorie del sottosuolo”, da Fëdor Dostoevskij, adattamento e regia di Marco Isidori, il quale sottolinea tra l'altro che da sempre i Marcido desideravano mettere in scena quest'opera, in cui le parole sono impregnate di un concentrato dell'umano travaglio, da fotografare, far suonar netto, al di là di ogni ambiguità, il tema ossessivo di questo scrittore: che al gorgo altalenante della gioia e della disperazione, l'uomo non può sottrarsi. 

Grazia De Benedetti

INFO: Teatro Elfo Puccini, corso Buenos Aires 33 - tel. 02.00.66.06.06 wapp 333 204902

lun – ven 10:00/19:00 – sab 13:00/19:00-

biglietteria@elfo.org - www.milanoltre.org

Prezzi da € 20 a € 12 - CARD E ABBONAMENTI: da € 100 a € 36 

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni