BATTAGLIA PER DIFENDERE IL FUTURO DEL PAESE E LA DEMOCRAZIA

Proposte concrete per i cittadini

“Sono molto preoccupato dalla sottovalutazione che c’è di ciò che sta succedendo da parte di intellettuali e giornalisti. Salvini, in questi mesi di Governo, è riuscito a sdoganare cose che erano impensabili prima e ora sembrano diventate accettabili cose che non lo erano. Di questo ci dobbiamo preoccupare. E ci dobbiamo preoccupare del silenzio di tanti su queste cose”. Lo ha detto il senatore Franco Mirabelli, vicepresidente del Gruppo PD al Senato, intervenendo alla Festa dell’Unità a Milano, in un dibattito sul tema “Un impegno concreto per l’Italia”.

“In questi giorni si è fatto un ulteriore salto - ha proseguito Mirabelli - Salvini, che in quanto ministro degli Interni è garante della legalità, di fronte alle inchieste che lo hanno coinvolto, ha detto che le denunce e le inchieste aperte sul suo conto per lui sono delle medaglie e che della richiesta dei 49 milioni di euro e dell’indagine relativa alla vicenda della nave Diciotti non gliene frega niente perché, in un conflitto tra i poteri dello Stato, lui è quello che ha preso i voti dai cittadini. A parte il fatto che ha ottenuto il 17% dei consensi e non corrisponde certo a 60 milioni di cittadini italiani, resta chiara, però, la gravità di tutta la faccenda”.

“È chiaro che non è normale che un Ministro metta in discussione l’equilibrio tra i poteri dello Stato - ha spiegato Mirabelli. - Non è neanche normale che un Ministro che lo scorso 4 dicembre si era proposto come difensore dei valori della Costituzione italiana, votando no al Referendum Costituzionale, oggi dica che i pesi e i contrappesi tra i poteri dello Stato non contano niente perché adesso, avendo preso i voti, comanda lui”.

“Tutto questo è molto diverso dalla democrazia che abbiamo conosciuto fino ad oggi - ha sottolineato il senatore PD. - Questo corrisponde al disegno politico della Lega ed è anche il punto di incontro con M5S. I loro modelli sono Putin, Orban e Erdogan. L’idea che hanno in mente è quella di costruire una democrazia in cui chi vince fa ciò che vuole, le minoranze devono stare ai margini e, soprattutto, gli organi terzi (il Presidente della Repubblica, i giornalisti, la Magistratura) vengono attaccati perché o non ci devono essere o non devono contare più niente. Chi prende i voti può fare ciò che vuole e i fondamenti della nostra democrazia e della nostra Costituzione (che si basano su un equilibrio tra poteri fatto di pesi e contrappesi) devono diventare carta straccia in nome di una presunta volontà del popolo che qualcuno si arroga il compito di rappresentare. Questo è ciò che succede già oggi in Russia, Ungheria, Turchia e Polonia e vogliono che succeda anche in Italia. Noi dobbiamo denunciare ciò che accade e fare una battaglia senza nessuna remora perché dobbiamo difendere il futuro del nostro Paese”.

Diana Comari

Collaboratrice Sen. Franco Mirabelli

 

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni