LE PRIMARIE DEL PD

Con 348 seggi raggiungiamo tutti i comuni dell’area metropolitana e ogni quartiere di Milano

Saranno 348 i seggi allestiti in tutta la città Metropolitana. Ben 136, uno dei numeri più alti registrati alle primarie del Partito Democratico, solo a Milano città.
Non solo gazebo e circoli di partito: sarà possibile votare anche nei seggi allestiti all’interno di associazioni, come sedi di Acli, Anpi, Arci, CGIL e altre sigle del terzo settore, oltre agli spazi civici come Centri di Aggregazione e sale consiliari, e come sempre ci ospiteranno anche locali privati, come bar, pub, pizzerie, negozi e uffici. Per trovare il proprio seggio basterà andare sul sito www.pdmilano.eu
E oltre duemila saranno i volontari che si alterneranno ai seggi per garantire lo svolgimento delle primarie: un iscritto su quattro sarà impegnato nelle operazioni di voto.
«Segno che l’iscrizione per la generosa e appassionata comunità degli iscritti milanesi  - ha affermato la segretaria metropolitana del Pd, Silvia Roggiani - non è solo una questione di ideali e convinzioni ma si traduce il più delle volte in impegno e mobilitazione».
«Una presenza capillare, quartiere per quartiere - ha spiegato il presidente della Commissione congressuale Mattia Abdu. - Le primarie del Partito Democratico rappresentano per elettori e iscritti un momento fondamentale di mobilitazione, ecco perché non abbiamo voluto deluderli, anzi abbiamo lavorato affinché ciascun comune dell’Area metropolitana, e ogni quartiere della città - dalla Bovisasca a Chiaravalle, da Santa Giulia a Figino - avesse il proprio seggio di riferimento. Ma non basta, perché vogliamo anche raccontare cosa fa il PD nelle Istituzioni: per questo abbiamo chiesto ai nostri Consiglieri e Parlamentari di essere presenti alle urne domenica, per portare la loro esperienza in termini di buon governo e/o di opposizione costruttiva».
Altra novità importante di queste primarie è rappresentata dal logo che si differenzia da quello adottato dal PD nazionale, in quanto accoglie al suo interno la bandiera dell’Europa.
«Abbiamo deciso di aderire all’appello di Romano Prodi e accogliere i simboli dell’Europa nel nostro logo - ha spiegato la segretaria metropolitana, Silvia Roggiani - perché per noi, per Milano metropolitana, non può che essere quello l’orizzonte. Con queste primarie non scegliamo solo il Segretario del Partito ma ci prepariamo a lanciare un fronte compatto, a costruire un’alternativa al governo di Lega e Cinque Stelle. Il momento storico è cruciale e la posta in gioco è altissima, da una parte chi punta a isolare l’Italia e distruggere il progetto europeo, dall’altra noi, come forze riformiste, progressiste e europeiste che vogliamo cambiare l’Europa per renderla più forte. Ecco perché questo Congresso è per noi un punto di partenza per affrontare le prossime sfide, amministrative - in 69 comuni - ed europee, con un Pd forte e unito, che da Milano Metropolitana anche stavolta vuole fare la sua parte».

Antonella Tauro 
Ufficio stampa Pd - Milano Metropolitana ufficiostampa@pdmilano.org

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni