LETTERA APERTA, CON RICHIESTA DI PUBBLICAZIONE

Gentile Assessore Gallera,
consapevoli dello straordinario sforzo che la Regione Lombardia sta compiendo per affrontare la Pandemia e visto che: 
- il decreto CuraItalia agli articoli 123 (Disposizioni in materia di detenzione domiciliare) e 124 (Licenze premio straordinarie per i detenuti in regime di semilibertà) prevede, come lei ben sa, di fare uscire dal carcere detenuti a fine pena e consentire i loro arresti domiciliari
- questa misura sembra finalizzata a permettere agli istituti di pena di fronteggiare il coronavirus ma purtroppo si chiude la stalla quando i buoi sono già scappati (ci sono infatti già dei casi di contagio rilevati nelle carceri lombarde) 
Tutto ciò premesso esiste la concreta possibilità che fra i reclusi ci siano contagiati asintomatici.
Se così fosse ogni detenuto che può accedere a questa misura alternativa si troverebbe di fronte a un bivio:
- o restare in carcere rischiando il contagio
- o ricongiungersi ai propri cari rischiando di contagiarli.
Se questa è l’unica alternativa ai rischi derivanti dall'incivile sovraffollamento dei nostri istituti di pena ci pare crudele e pericolosa, sia per i detenuti che per tutti coloro che lavorano nelle carceri
Ci appelliamo allora a lei, affinchè ogni detenuto che può accedere a queste misure  trascorra un periodo di quarantena e se non dispone di ha una abitazione con un suo bagno personale dove passarla possa ottenere più idonea soluzione abitativa tramite la Regione Lombardia.

Giampaolo Giorgio Berni Ferretti
Vice-capogruppo Forza Italia Municipio 1 Milano
Enrico Borg, già consigliere provinciale
Gianni Rubagotti, Segretario Associazione per l'Iniziativa Radicale "Myriam Cazzavillan"

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni