PIANO LOMBARDIA, SINDACI PD A FONTANA

CI DICA SE VUOLE COINVOLGERCI O SE HA SCELTO DI RINUNCIARE A COLLABORARE CON LE AMMINISTRAZIONI LOCALI

“Dal presidente Fontana arriva un vero e proprio schiaffo alla collaborazione istituzionale fra sindaci e Regione.
Non ci sono altre parole per commentare la spiacevole lettera con cui il governatore lombardo ha replicato a 56 sindaci della Città Metropolitana di Milano, i quali avevano invitato la giunta regionale a destinare risorse economiche ai Comuni sulla base di criteri oggettivi o attraverso bandi pubblici, diversamente da come è accaduto con il “Piano Lombardia” che ha visto finanziare opere spesso non di interesse regionale a favore di amministrazioni comunali "amiche". 
Da Fontana, però, sono arrivati toni e parole sprezzanti che non confanno con quelli che dovrebbe usare un Presidente di Regione.
Pensano, forse, di usare l’arroganza per nascondere metodi non lineari e poco trasparenti nella ripartizione di risorse che dovrebbero far ripartire la Lombardia?
Non ci interessa la polemica politica ma abbiamo a cuore lo sviluppo del territorio e il benessere dei cittadini, che per noi sono tutti uguali indistintamente da chi li governi.
A questo punto sia il presidente Fontana a dirci se intende proseguire sulla strada della collaborazione, come abbiamo chiesto attraverso un coinvolgimento nella definizione delle priorità dei Comuni, o se ha scelto di rinunciare a garantire rapporti di leale collaborazione con le amministrazioni locali".

Così in un comunicato congiunto la segretaria metropolitana del PD Milano Silvia Roggiani e il sindaco di Cesano Boscone Simone Negri, in qualità di Responsabile PD dei sindaci dell'area metropolitana, a seguito della lettera inviata ai sindaci dal presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana. 

Antonella Tauro 
Ufficio stampa PD Milano Metropolitana 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni